#8Marzo: storie di grandi donne che hanno lottato per rendere migliore il nostro presente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’8 marzo è La Giornata Internazionale Delle Donne, una ricorrenza in cui si celebrano il potere e l’iniziativa femminile.

L’8 marzo non è una festa, ma una giornata in cui dovremmo ricordare che tante donne nel mondo sono ancora oggi abusate, sfruttate o discriminate, allo stesso tempo però è la buona occasione per celebrare le eroine che lottano per i loro diritti, per un ambiente migliore e più sano e per raggiungere tanti altri importanti obiettivi a favore della loro comunità di appartenenza, ma in realtà di tutto il mondo.

Che lo facciano in silenzio o a gran voce, vi vogliamo raccontare alcune delle loro storie. Donne che hanno cambiato il pianeta e la società, donne che a volte hanno perso la vita pur di perseguire le proprie idee, donne grazie alle quali il nostro presente è migliore.

Perchè per noi di greenMe ogni giorno è la “festa” della donna.

#8marzo ogni giorno.

Vandana Shiva

Vandana Shiva è una  scienziata, attivista e ambientalista indiana che ormai da decenni lotta in prima linea per difendere il Pianeta, le foreste e le popolazioni dall’operato delle multinazionali, dai pesticidi, dagli Ogm.

Proprio in occasione della ricorrenza dell’8 marzo, Vandana Shiva ci mostra la strada per liberare le donne e il pianeta in un’intervista che tutti noi dovremmo leggere, soprattutto oggi…

Leggi anche: Vandana Shiva, la libertà delle donne passa per il cibo: “il futuro è nelle tue mani, prenditi cura della Terra”  

vandana shiva

Nawal El Saadawi

Scrittrice, psichiatra e militante femminista egiziana che a 80 anni era presente in Piazza Tahrir, nel cuore delle proteste durante la rivoluzione egiziana del gennaio 2011, che ha portato alla caduta di Hosni Mubarak.

Lotta da una vita contro le mutilazioni genitali femminili ed è una vera e propria figura emblematica del femminismo arabo e della difesa dei diritti umani in Egitto.

Leggi anche: Nawal El Saadawi, l’attivista egiziana di 89 anni che lotta da una vita contro le mutilazioni genitali femminili

Nemonte Nenquimo

La leader indigena Nemonte Nenquimo ha condotto un’azione legale che ha portato, con una sentenza del tribunale, a ottenere la protezione di 500.000 acri di foresta pluviale amazzonica e il territorio Waorani dall’estrazione di petrolio.

La causa legale vinta dalla Nenquimo ha stabilito un importante precedente legale per i diritti degli indigeni in Ecuador, e altre tribù stanno seguendo le sue orme per proteggere diverse zone della foresta pluviale dall’estrazione di petrolio.

Leggi anche: Nemonte Nenquimo, la leader indigena che lotta per salvare l’Amazzonia è tra le 100 persone più influenti del 2020

Diana Trujillo

A 17 anni Diana Trujillo è arrivata negli Usa dalla Colombia, senza soldi e senza nemmeno saper parlare inglese. Oggi, a 40 anni, ha guidato la missione della Nasa che ha portato Perseverance a caccia di vita su Marte.

Una donna che incoraggia le giovani a inseguire i propri sogni, per quanto possano sembrare impossibili, comprese coloro che sono desiderose di lavorare nello spazio, magari vittime di discriminazione.

Leggi anche:  Diana Trujillo, la donna che ha guidato lo sbarco di Perseverance su Marte, ci insegna a inseguire i nostri sogni

Berta Cáceres

L’attivista honduregna Berta Cáceres si è fatta portavoce di numerose battaglie civili e ambientali, senza farsi mai intimidire dalle ripetute minacce subite da lei e dalla sua famiglia. Nonostante sia stata costretta a separarsi dai suoi figli per tutelare la loro incolumità, non ha mai smesso di lottare per la causa indigena e ha pagato con la vita il suo coraggio.

5 anni fa, nella notte tra il 2 e il 3 marzo del 2016, è stata uccisa nella sua abitazione. L’anno prima della sua morte ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Goldman Environmental Prize, considerato il Nobel per l’ambiente.

Leggi anche: Berta Cáceres, l’attivista trucidata 5 anni fa per aver difeso indigeni e ambiente

Niria Alicia Garcia

L’attivista di origine messicana Niria Alicia combatte per salvaguardare il salmone reale, pesce considerato sacro da alcune comunità di indigeni e coordina il Run4Salmon, un viaggio di preghiera di 480 chilometri guidato da donne indigene che segue il percorso del salmone reale. L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della salvaguardia di questa specie minacciata, del difendere le acque e valorizzare le tradizioni degli indigeni.

Leggi anche: Niria Alicia Garcia, l’indigena che lotta per salvare il salmone reale, considerato sacro dai nativi

Ipazia di Alessandria

Ipazia di Alessandria è una donna della nostra storia che proprio l’8 marzo (415 d.C) fu uccisa da un tumulto di cristiani inferociti. La sua colpa? Essere una donna pagana dedita alla scienza e alla conoscenza, un fatto intollerabile.

Ipazia era una donna molto colta, filosofa, astronoma e matematica e fiera sostenitrice della libertà di pensiero, vittima di un potere tutto al maschile.

Leggi anche: L’8 Marzo ricordiamo Ipazia di Alessandria, barbaramente uccisa per aver difeso la bellezza della verità

Dian Fossey

dian fossey

©The Dian Fossey Gorilla Fund

Dian Fossey è stata una zoologa statunitense, passata alla storia come la “signora dei gorilla”. La sua missione nella vita è stata difendere strenuamente i diritti degli animali, un ideale per il quale ha sempre combattuto, anche se spesso quello che faceva non piaceva alla politica, alle istituzioni e ovviamente nemmeno ai bracconieri.

Dian fu assassinata a colpi di machete nel dicembre del 1985 nella sua capanna con un panga, attrezzo utilizzato proprio dai bracconieri per uccidere i gorilla.

Leggi anche: Dian Fossey, chi era la “signora dei gorilla” che ha lottato fino alla fine per difendere i suoi animali

Theresa Kachindamot

theresa-kachindamoto

In Malawi, Theresa Kachindamot da anni lotta contro l’unione matrimoniale tra bambine e adulti e, ad oggi, è riuscita ad annullare oltre 800 matrimoni salvando così 500 bambine e 300 bambini e dando loro la possibilità di tornare tra i banchi di scuola.

Porre fine ai maltrattamenti che spesso avvengono nelle famiglie e incoraggiare i ragazzi a tornare a scuola sono proprio gli obiettivi dell’ormai anziana leader, diventata una delle donne africane più influenti del mondo.

Leggi anche: Theresa Kachindamot, la donna che ha liberato oltre 800 spose bambine in Africa

Artemisia Gentileschi

artemisia-gentileschi

Artemisia Gentileschi, pittrice, moglie, madre, amante e grande guerriera è un’icona simbolo del femminismo, una donna che, in tempi lontani, si è ribellata allo stupro subito a 18 anni portando il proprio carnefice in tribunale.  Per tutta la vita, comunque, fu al centro di polemiche e pettegolezzi e tutto per il suo coraggio.

Leggi anche: Artemisia Gentileschi fu stuprata e torturata: è la pittrice più coraggiosa della storia 

Grazie a tutte queste donne straordinarie e a tutte le altre che, in ogni parte del mondo, hanno lottato, perso la vita o ancora oggi combattono discriminazioni e ingiustizie.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Speciale EarthDay

Earthday EveryDay

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook