Yuki Nagasato, in Giappone la prima donna a giocare a calcio in una squadra maschile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Yuki Nagasato è una stella del calcio giapponese e sarà ricordata nella storia come la prima donna ad aver giocato nel campionato maschile del suo paese.

Yuki, classe 1987, dopo aver giocato con le squadre femminili del Wolfsburg e Chelsea, ha ora firmato un contratto con l’Hayabusa Eleven, club della prefettura di Kanagawa che partecipa ad una serie regionale corrispondente all’ottava divisione nazionale.

L’attaccante 33enne si unisce alla squadra maschile in prestito dai Chicago Red Stars, squadra della massima serie femminile negli Usa.

Una svolta storica nel Sol Levante dato che è la prima volta che una giocatrice donna accede al campionato maschile, sia pure di livello più basso.

Ma Yuki è abituata ai primati dato che è stata campionessa del mondo nel 2011 e medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra del 2012.

C’è grande soddisfazione per questa ragazza che è riuscita a superare qualsiasi discriminazione di genere e si sta facendo valere grazie al suo spiccato talento. Questo ha dichiarato il suo agente Luca Grippo:

“La notizia di Nagasato deve essere presa come uno stimolo a credere nel movimento femminile. È una dimostrazione del fatto che non ci siano limiti allo sviluppo del calcio in rosa. (…)saprà farsi valere anche tra gli uomini: ne ha le qualità”

I precedenti

La dura strada delle giocatrici di calcio femminile si sta aprendo sempre più, anche se a fatica, in direzione di una parità di genere. In Europa, di recente, c’è stato il caso di Ellen Fokkema,  calciatrice olandese che è stata presa a giocare nella squadra maschile del Foarút.

Ci aveva provato anche il Canada con Stephanie Labbé, portiere di 33 anni, che nel 2018 ha cercato di unirsi al Calgary Foothills FC  ma, purtroppo, nonostante avesse già iniziato gli allenamenti con la squadra, non ha potuto continuare perché il regolamento lo proibiva.

Persino in Italia nel 2003 c’era stato un tentativo di far entrare in una squadra maschile una giocatrice donna. Si tratta del caso di Birgit Prinz richiesta da Luciano Gaucci, allora presidente del Perugia. Il tutto si concluse con un niente di fatto in quanto l’attaccante tedesca rifiutò la proposta.

Fonti: Gazzetta / Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook