UNO lancia la versione ufficiale in Braille: ora anche i non vedenti potranno giocare

Il popolare gioco di carte UNO, che nel 2021 compirà 50 anni, diventa accessibile ai non vedenti e agli ipovedenti: tutte e 108 carte, infatti, riporteranno l’alfabeto Braille, stampato sia sul fronte che sul retro: in questo modo i giocatori possano leggerne il colore, il numero o le istruzioni come “Inverti” o “Salta”.

Ad annunciarlo è Mattel, che ha collaborato con la Federazione nazionale dei ciechi degli Stati Uniti per creare i nuovi pezzi trasformando un gioco essenzialmente visivo in qualcosa di accessibile ai 39 milioni di non vedenti in tutto il mondo.

Questa è la seconda modifica inclusiva: già nel 2017, le carte sono state ripensate in modo che anche il daltonico potesse partecipare ai giochi (UNO ColorADD).

Con il lancio di UNO Braille, stiamo avendo un impatto reale su una comunità che è stata messa in un angolo per troppo tempo, fornendo un gioco cui sia i non vedenti che gli ipovedenti possono partecipare”, ha affermato Ray Adler della Mattel.

uno braille

La confezione UNO Braille presenta il linguaggio Braille sul davanti e sul retro per una chiara identificazione e indirizza i giocatori su UNOBraille.com dove possono trovare le istruzioni di gioco con file leggibili in braille da scaricare. I giocatori possono anche accedere alle istruzioni vocali tramite Amazon Alexa e Google Home.

UNO Braille è disponibile nei negozi Target a livello nazionale negli States e su Target.com per 9,99 dollari. Per ora qui da noi è possibile solo acquistarlo online e fare affidamento a questa versione non originale.

Leggi anche:

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Coop

Non solo spremuta! 5 succhi ricchi di vitamine da realizzare con le arance di Sicilia

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook