Michael Schumacher in ripresa: non è più attaccato alle macchine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Michael Schumacher sta meglio. L’ex pilota di Formula Uno non sarebbe più attaccato alle macchine che finora lo hanno tenuto in vita e non è più costretto a stare a letto. A darne notizie è stato il DailyMail, secondo cui Schumacher migliora ogni giorno di più.

Sono passati quasi 5 anni dal terribile incidente. Era il 29 dicembre quando il pilota cadde sulle piste da sci di Meribel, nelle Alpi francesi, battendo la testa e rischiando la vita. Da allora la moglie Corinna, che non lo ha mai lasciato, ha chiesto il massimo riserbo sulle sue condizioni di salute.

Oggi vive nella sua casa in Svizzera, vicino al lago Lehman, dove un’equipe medica si prende cura di lui ogni giorno. Stando alle indiscrezioni diffuse dal Daily Mail, potrebbe essere cosciente e anche in grado di seguire anche le amate gare. Schumacher, che compirà 50 anni, il 3 gennaio prossimo non potrebbe festeggiare meglio.

Da quanto si evince, l’uomo pur non essendo più attaccato alle macchine e a letto, continua a ricevere cure infermieristiche e terapeutiche. Più volte, anche anni dopo l’incidente, ha rischiato di non farcela, come nel 2014 quando ha subito due operazioni salvavita ed è rimasto per cinque mesi in coma farmacologico

Purtroppo, molte sono state le speculazioni sulle sue condizioni fisiche. Alcune cartelle cliniche sono state addirittura rubate e offerte ai media per 40.000 sterline. L’anno seguente, una foto scattata a casa sua e contrabbandata da un “amico” venne venduta per un milione di sterline.

Per fortuna ci sono amici fidati che non lo hanno mai lasciato, rispettando il silenzio della famiglia. Tra questo Jean Todt, un visitatore abituale, che di recente ha raccontato di aver visto il Gran Premio del Brasile insieme a Schumacher.

Tra le altre voci, vi è quella della rivista tedesca Bravo secondo cui il campione si starebbe preparando al trasferimento in una clinica di Dallas, in Texas, specializzata nel trattamento delle lesioni cerebrali.

Intanto tra pochi giorni, il 3 gennaio, Schumacher festeggerà il suo 50° compleanno, un enorme traguardo, forse uno dei più importanti mai conquistati dal campione, che in questi anni di sofferenza ha dimostrato il proprio attaccamento alla vita.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook