Oksana, l’orfana del disastro nucleare di Chernobyl che trionfa a Sochi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ha 24 anni, è senza gambe e soffre di varie menomazioni. Oksana Masters è una delle atlete più promettenti presente alle Paraolimpiadi di Sochi. Ha fatto guadagnare agli Stati Uniti la loro prima medaglia nel fondo paralimpico in 20 anni: ha conquistato l’argento nella 12 km dello sci nordico sitting. Ma non è solo questo a renderla straordinaria. Oksana era una bambina di Chernobyl.

È nata a Khmelnytskyi, a 300 chilometri a sud ovest dal sito del disastro nucleare che le ha causato grandi difetti alla nascita per via dell’avvelenamento da radiazioni dell’utero della sua madre naturale. Dita palmate, senza il pollice, sei dita nei piedi, gamba sinistra più corta dell’altra e tutte e due senza tibia. Forse proprio per colpa di questa sua condizione fisica, è finita in orfanotrofio. Nella sua infanzia ha girato tre diverse strutture per bambini abbondonati, dove è stata regolarmente picchiata, maltrattata e violentata.

Quando Gay Masters, un professore di Buffalo, New York, ha deciso di adottare Oksana nel 1995, l’Ucraina aveva appeno sospeso le adozioni estere. È stato solo due anni più tardi che la bambina ha potuto finalmente incontrare la sua mamma adottiva, nel 1997. Quando è arrivata negli USA ha subito ricevute cure, attenzioni e amore che fino ad allora le erano state negate.

I medici hanno optato per un’amputazione di entrambe le sue gambe sopra il ginocchio, che non presentavano ossa portanti. Tutto questo sembra averle dato ancora più forza. Fino alla medaglia olimpica. E pensare che ha iniziato a sciare meno di un anno fa.

Quella di Oksana è una storia a lieto fine, che ci impone però di onorare il ricordo di quel drammatico disastro del 1986. Implicazioni ambientali a parte, nessuna promessa di un’energia nucleare più sicura potrà mai restituire la salute e la pace interiore perduti da chi ne è rimasto vittima.

Roberta Ragni

Foto Credit Dmitry Lovetsky/AP

LEGGI ANCHE:

Chernobyl: oggi il 27esimo anniversario ma le ‘zone morte’ si stanno ripopolando. Firma la petizione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook