Maiorca alluvionata e sommersa nel fango: Nadal apre le porte della sua accademia agli sfollati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il maltempo non risparmia neanche Maiorca, dove nei giorni scorsi un’alluvione ha ucciso almeno 10 persone, provocato numerosi danne e distrutto case. Il tennista Nadal, nato lì, provato dal disastro che ha colpito la sua isola, ha aperto agli sfollati le porte della sua accademia.

Maiorca è semidistrutta. Nelle ultime ore, pioggia e vento hanno messo a dura prova l’isola spagnola. Il comune più colpito è Sant Llorenc a 60 chilometri da Palma. Secondo quanto riporta El Pais ci sarebbero anche alcuni dispersi. Due delle vittime sono turisti britannici.

Un paesaggio desolato, una scia di distruzione e morte a soli 60 chilometri da Palma di Maiorca, lungo il Mediterraneo solitamente calmo. Le strade di Sant Llorenç des Cardassar sono ancora inondate dal fango. La pioggia torrenziale che ha colpito l’area da martedì ha fatto tracimare due torrenti che hanno devastato alcuni centri abitati.

Al momento le vittime sono 10, tra cui un bambino, probabilmente trascinato dalla corrente. Il Governo delle Isole Baleari ha negato qualsiasi responsabilità attribuendo la causa della tragedia a una “catastrofe” naturale: sono venuti giù più di 220 litri per metro quadrato in poche ore, secondo l’Agenzia meteorologica. Ma i vigili del fuoco del Consell de Mallorca hanno denunciato problemi di coordinamento e mancanza di mezzi per contrastare la furia dell’acqua in una zona ad alto rischio di inondazioni.

In questo caos di disorganizzazione, di vittime, di distruzione e di scarico di colpe, a portare un raggio di sole è Rafa Nadal, il tennista maiorchino, nato a Manacor e lì ancora residente. Fin dai primi momenti si è messo all’opera insieme ai concittadini per liberare le strade dal fango.

Nadal non ci ha pensato due volte e ha aperto le porte della propria accademia ai numerosi sfollati, le cui case sono ancora inagibili, ma anche a quelli la cui abitazione è stata distrutta. Solo a Sant Llorenç, il comune più colpito, gli sfollati sono 200.

Dopo le inondazioni, Nadal ha offerto le strutture del suo centro sportivo a Manacor ai vicini. “Come abbiamo fatto ieri, offriamo oggi le sale del Rafa Nadal Sport Center e della Rafa Nadal Academy per tutti coloro che hanno bisogno di alloggio“, ha detto il giocatore.

Il centro ha ospitato martedì sera una cinquantina di persone, dopo le forti piogge e l’esondazione del torrente Sant Llorenç.

Un campione, non solo sul campo.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook