Class action contro i misuratori di passi e battiti: non sono attendibili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I fitness tracker sono inaccurati, le misurazioni di passi e battiti cardiaci a quanto pare non sono molto attendibili. Negli Usa scatta la class action. Se siete amanti del fitness forse anche voi di recente avete acquistato un braccialetto per monitorare la vostra attività fisica. Ci si può davvero fidare di questi dispositivi?

Negli ultimi tempi spopolano bracciali e smartwatch che misurano il battito cardiaco, i passi o le calorie consumate, ma i dati rilevati da questi dispositivi potrebbero non essere molto accurati.

Negli Stati Uniti è iniziata una vera e propria protesta contro Fitbit, uno dei tracker più famosi. L’accusa è di una scarsa aderenza alla realtà delle misurazioni, come riporta il New York Times. Molte persone che utilizzano questi dispositivi negli Usa avrebbero da tempo dei sospetti.

Un gruppo di giornalisti e ricercatori ha deciso di fare luce sulla situazione e così è emerso che l’ultimo studio al riguardo risulta davvero chiaro. I dati raccolti dai dispositivi Fitbit sarebbero altamente inaccurati durante l’attività fisica intensa.

Secondo Fitbit, però, tale studio è soltanto un tentativo di screditare l’azienda e si è svolto su un campione molto piccolo di persone, formato da poco più di 40 partecipanti. L’azienda dunque ha deciso di difendersi dalle accuse e ormai si sta giungendo alle cause legali.

Un ulteriore studio dedicato ai dispositivi Fitbit si è occupato di verificare l’accuratezza delle misurazioni e anche in questo caso pare ci siano stati dei problemi. Ulteriori studi stanno facendo insorgere dei dubbi in chi utilizza i fitness tracker.

Possiamo davvero fidarci di questi dispositivi? Al momento è difficile dirlo, dunque restiamo in attesa di nuovi studi e approfondimenti per comprendere meglio la vera utilità di braccialetti e smartwatch per chi pratica sport e attività fisica.

Marta Albè

Leggi anche:

CLASS ACTION CONTRO SAMSUNG E APPLE: LA MEMORIA DEI DISPOSITIVI È MINORE DI QUANTO DICHIARATO

I NUOVI DISPOSITIVI APPLE ANDRANNO A IDROGENO?

MULTITASKING: USARE PIÙ DISPOSITIVI CONTEMPORANEAMENTE FA RESTRINGERE IL CERVELLO?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook