Green Night: anche i locali notturni italiani diventano ecosostenibili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Serate, concerti, eventi e festival a impatto limitato. È questo l’obiettivo di Green Night, un progetto lanciato dal Centro Antartide di Bologna, attivo da oltre 20 anni sui temi della comunicazione ambientale, che mira a diffondere la realtà dei locali notturni green e a impatto zero anche in Italia.

Una filosofia già diffusa in altri Paesi del mondo (specie nel nord d’Europa), dove le discoteche, i pub e le location per eventi hanno adottato da tempo alcuni particolari standard per impattare il meno possibile sull’ambiente e risparmiare risorse. Tra le iniziative: la raccolta differenziata dei rifiuti, menu vegetariani a chilometri zero, sistemi di illuminazione e amplificazione a basso consumo, l’installazione dei riduttori di flusso, sistemi per la riduzione del consumo di acqua, l’uso di energia proveniente da fonti rinnovabili e l’adozione di navette per il trasporto dei clienti.

Secondo gli ultimi dati, i concerti, i festival e gli eventi organizzati nel nostro Paese producono ogni anno più di 45.000 tonnellate di anidride carbonica, che corrispondono al consumo medio annuo di 6.000 famiglie di tre persone, o di 22.000 auto che percorrono ciascuna 10 mila chilometri. A tutto questo si deve aggiungere poi la produzione dei rifiuti, in questi casi sempre molto sostenuta.

Green Night Tour

Per evitare tutto questo e impattare il meno possibile sull’ambiente che ci circonda, il progetto Green Night, grazie anche alla collaborazione di Legambiente Reggio Emilia, WWF Rimini, coop Il Millepiedi, Dualica, Regione Emilia-Romagna e con la partnership di Edison e Usobio, ha redatto una serie di linee guida in un protocollo specifico, al quale i locali possono aderire con vari livelli di impegno e di cambiamento, che vanno dai sistemi di illuminazione a basso consumo all’uso di energia certificata verde, dai menu green all’utilizzo dell’acqua del rubinetto, passando per la scelta di materiali biodegradabili e sistemi di raccolta differenziata capillare per i rifiuti.

E c’è di più, perché anche il pubblico dei locali aderenti al progetto potrà contribuire in modo sostanziale. Per questo, nei tre locali dell’Emilia-Romagna che per primi hanno ottenuto la certificazione Green Night verranno organizzate tre serate di lancio: il 28 aprile il progetto sarà al Circolo Arci Fuori Orario di Reggio Emilia (che da anni è attivo sui temi della sostenibilità) con il live dei Lassociazione; il 4 maggio, all’interno del Green Social Festival, al Locomotiv Club di Bologna con il live di Dente e la Green Night Parade. Infine, in riviera, con la serata del 19 maggio al Velvet Club di Rimini. All’interno, comunicazioni mirate e scenografiche, un immenso gonfiabile con proiezioni artistiche sul tema ideate da Basmati, QR codes che rimandano alle pagine del progetto, particolari Bike Game interattivi alimentati dall’energia cinetica di un pedalatore e alcuni bicigeneratori.

E voi siete pronti per le green night?

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook