Fitness: generare energia pedalando in palestra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Produrre energia facendo spinning. Con l’arrivo dell’estate scatta anche la corsa per rimettersi in forma e perdere i chili di troppo accumulati nell’inverno. Ed è così che a ridosso della bella stagione le palestre registrano un boom di iscrizioni. Tutti impegnati a consumare energie per perdere peso. E se proprio quest’energia potesse venire sfruttata per produrre elettricità?

Con questo criterio una società di nome Green Revolution ha realizzato una particolare bici da spinner in grado di generare elettricità pedalando che sta impazzando nei centri di fitness degli Stati Uniti. Star Trac Spinner NXT, questo il nome della bici da camera capace di convertire l’energia cinetica umana in energia elettrica, infatti, è stata adottata già da 75 palestre stelle e strisce.

Queste particolari bici da spinning eco-friendly dotati di generatori in grado di convogliare l’energia prodotta pedalando in corrente arriveranno entro la fine dell’anno anche in Europa come ha assicurato Mike Curnyn, Direttore Marketing della società al New York Times.

Il meccanismo che è alla base delle Star Trac Spinner NXT risiede in una piccola scatola nera collegata ad un pannello di controllo, nella cui parte superiore l’utente può vedere quanta energia ha prodotto dallo schermo digitale montato sulla parte superiore.

Il generatore della bici s inserisce a sua volta ad un cavo alla scatola nera che converte l’energia elettrica continua generata attraverso pedalata in energia elettrica alternata. Energia che la palestra può utilizzare per alimentare le sue apparecchiature.

generare_energia_pedalando

La sfida adesso per i produttori di questo dispositivo è riuscire a mantenerne il prezzo conveniente per i centri di fitness rispetto alle normali bici da spinning, visto anche la non altissima quantità di energia che per il momento sono in grado di generare. Al momento l’investimento sostenuto da Green Revolution per ciascuna bici è si aggira intorno ai 200/300 dollari. Un costo ragionevole che comunque l’azienda si impegna ad abbassare ulteriormente con i nuovi modelli.

Sicuramente avere sotto gli occhi la possibilità di produrre energia pulita ha il suo fascino, ma ne abbiamo davvero bisogno? Non sarebbe ancora più eco-friendly utilizzare la nostra energia cinetica su una bici vera, alimentando la nostra luce dinamo ed evitando tonnellate di emissioni che avremmo emesso con l’automobile?

Simona Falasca

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook