Fare esercizio fisico rende più felici dei soldi. Parola di Oxford e Yale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La felicità è nello sport e non nei soldi.

Meglio un po’ di sano sport o soldi a sufficienza da spendere per fare e comprare quello che più ci piace? La risposta potrebbe non essere scontata. Secondo uno studio a farci davvero felici è l’attività fisica praticata in maniera moderata, ma regolare.

Le persone attive fisicamente hanno meno probabilità di sentirsi infelici rispetto a quelle più sedentarie. La chiave della felicità è dunque nello sport, almeno secondo i risultati di una ricerca presentata da un team delle università di Yale e Oxford.

I benefici dell’attività fisica sulla nostra salute sono stati dimostrati già diverse volte ma in questo caso i ricercatori hanno scoperto che praticare sport ha effetti benefici anche sull’umore e il grado di felicità (in realtà vi avevamo già parlato di una ricerca che era arrivata più o meno agli stessi risultati).

Secondo lo studio pubblicato su The Lancet, le persone che praticano regolarmente attività fisica si sentono di umore nero solo 35 giorni all’anno, contro i 53 di chi invece è inattivo. Il denaro, al contrario, non fa la felicità. Per arrivare a sostenere questa tesi, i ricercatori hanno studiato le abitudini fisiche e l’umore di oltre un milione di cittadini americani.

Ai partecipanti è stata posta in particolare la domanda: “Quante volte ti sei sentito male a livello mentale negli ultimi 30 giorni, ad esempio a causa di stress, depressione o problemi emotivi?”.

Le risposte sono state confrontate poi con il livello di attività fisica e sport compiuto da ciascuno. Si è notato così che le persone che sono fisicamente attive (che non vuole dire solo correre, andare in bicicletta o in palestra ma anche che si dedicano ai lavori in casa o falciano il prato) si sentono meglio rispetto a quelle più pigre e al pari di chi guadagna almeno 25mila dollari l’anno (netti). Anche i soldi dunque aiutano l’umore ma devono essere molti! Lo sport è decisamente un mezzo più alla portata di tutti per essere felici.

Tuttavia non bisogna esagerare. Come ha dichiarato Adam Chekroud della Yale University, autore dello studio, in una intervista:

“La relazione tra la durata dello sport e il carico mentale è a forma di U”

Ciò concretamente significa che chi si allena per più di 3 ore avverte maggiore malessere mentale di chi pratica attività in maniera più moderata. Idealmente, secondo i ricercatori, ci si dovrebbe dedicare allo sport in tre, quattro o cinque sessioni da 30 a 60 minuti a settimana.

Meglio poi concentrarsi su attività di gruppo, come gli sport di squadra, i cui effetti benefici sono superiori rispetto a quelli individuali.

Che ne pensate? E’ davvero lo sport a fare la nostra felicità?

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook