©Microgen/Shutterstock

Il nuoto ha degli incredibili effetti sul tuo cervello, come nessun’altra attività aerobica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuotare fa davvero bene al cervello, anche se gli scienziati non sono riusciti ancora a capire perché sia più efficace di altre attività aerobiche

Non è un segreto che l’esercizio aerobico possa aiutare a prevenire l’invecchiamento e alcuni problemi di salute. Ma un recente studio ha dimostrato che il nuoto, in particolare, è un vero e proprio toccasana per la salute del nostro cervello. Nuotare con regolarità, infatti, migliora la memoria, le funzioni cognitive, la risposta immunitaria e l’umore, ma aiuterebbe anche a riparare i danni derivanti dallo stress e a creare nuove connessioni neurali all’interno del cervello. (Leggi anche: Benefici del nuoto e tutti i muscoli che lavorano nei vari stili)

Fino agli anni ’60, gli scienziati credevano che il numero dei neuroni e delle connessioni sinaptiche nel cervello umano fosse finito e che, una volta danneggiate, le cellule del cervello non potessero più essere rimpiazzate. Negli ultimi anni, invece, si è scoperto che per fortuna i neuroni possono nascere e svilupparsi anche nel cervello adulto di umani e altri animali – in un processo chiamato neurogenesi.

Uno studio condotto qualche anno fa ha dimostrato come l’esercizio aerobico possa contribuire al processo di neurogenesi, svolgendo un ruolo chiave nel riparare i danni ai neuroni e alle loro connessioni nei mammiferi e nei pesci. La chiave di questo processo ‘riparatore’ è nell’aumento di una proteina chiamata BDNF (Brain-Derived Neurotrophic Factor): la plasticità neurale stimolata da questa proteina, ovvero l’abilità del cervello di cambiare ed evolversi, migliora moltissimo funzioni cognitive come memoria e apprendimento. (Leggi anche: Cosa accade al tuo corpo se fai nuoto almeno una volta a settimana)

Ma perché il nuoto è l’attività aerobica che più di altre migliora le capacità del nostro cervello? I ricercatori non sono riusciti a trovare ancora una spiegazione a questo mistero. Certamente il nuoto ha effetti positivi sul nostro sistema circolatorio: coinvolgendo praticamente tutti i muscoli del corpo, l’attività svolta dal cuore mentre si nuota è massiccia, come massiccio è il flusso di sangue in tutto il corpo. Questo porta alla formazione di nuovi vasi sanguigni (un processo chiamato angiogenesi) e al rilascio delle endorfine, gli ormoni che attutiscono la percezione del dolore e migliorano l’umore.

Inoltre, una ricerca ha dimostrato che nuotare in età avanzata abbia importanti benefici dal punto di vista cognitivo: analizzando infatti l’impatto dell’attività natatoria sull’acutezza mentale di persone anziane, i ricercatori hanno concluso che i nuotatori hanno migliorato la loro velocità mentale e attenzione rispetto a chi non si è dedicato allo sport. Un altro studio si è invece concentrato sui benefici del nuoto nelle menti più giovani: i ricercatori hanno testato le abilità mnemoniche di bambini di età compresa fra i 6 e i 12 anni, alle prese con l’apprendimento di parole difficili, dopo aver svolto tre tipi di attività – colorare (un’attività rilassante), nuotare (un’attività aerobica) e fare esercizi di cross-fit (un’attività anaerobica). È emerso che i bambini che avevano fatto nuoto dopo aver appreso le parole le ricordassero molto meglio di chi aveva svolto un altro tipo di attività – a dimostrazione dell’importanza di tale sport anche per un cervello giovane e in crescita.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook