@AuroraLeone/Instagram

Il dirigente della nazionale cantanti si dimette dopo aver cacciato Aurora dei Jackal dalla #PartitadelCuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembra impossibile, ma ancora ci sono persone convinte che una donna non possa giocare a calcio. L’ha testimoniato recentemente quanto accaduto alla comica Aurora Leone dei Jackal, cacciata dalla Partita del Cuore.

Come ormai saprete, Aurora Leone è stata protagonista di un episodio discriminatorio. La sera prima della Partita del Cuore la giovane è stata fatta allontanare dal tavolo dei giocatori e, come se non bastasse, è stata anche cacciata dall’albergo dove avrebbe dovuto alloggiare insieme al compagno Ciro Priello.

Quale la sua grave colpa? Essere donna e le donne, si sa, non giocano a calcio e sono quindi fuori luogo in un contesto maschile! Così almeno la pensava il direttore generale della Nazionale Italiana Cantanti, Gianluca Pecchini, che ha anche detto alla giovane comica napoletana (che era stata convocata per giocare e aveva la divisa):

Il completino te lo metti in tribuna. Da quando in qua le donne giocano?

Leggi anche: Aurora Leone dei JackaL cacciata dalla #PartitadelCuore perché “le donne non giocano a calcio”

Sulla questione, come era ovvio, si è scatenato un gran polverone e tutti i componenti della nazionale cantanti hanno mostrato solidarietà ad Aurora. Una polemica che ha portato, alla fine, alle dimissioni del dirigente che ha definito quanto accaduto un “grande equivoco” (difficile però equivocare parole tanto esplicite).

Un commento sull’epilogo della questione l’hanno fatto anche i The JackaL con un post su Facebook in cui si legge:

Prendiamo atto delle dimissioni del dirigente della nazionale cantanti in seguito al “grande equivoco” di ieri sera. Noi speriamo che quanto successo non venga ridotto a questo: un malinteso. C’è un discorso più ampio che va oltre la vicenda personale, il sessismo e il maschilismo come problemi reali che riguardano ogni giorno milioni di donne.

The JackaL ci tengono a sottolineare però che non vogliono che quanto accaduto abbia delle ripercussioni negative sull’importante raccolta fondi che è il vero motivo per cui si giocano le Partite del Cuore. 

Fonte: The JackaL

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook