©viteethumb/123rf

Trucchi per camminare facendo un intenso esercizio fisico durante la tua passeggiata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Camminare rimane una delle attività fisiche migliori, oltre ad essere una delle più semplici, economiche e salutari sotto ogni singolo aspetto. Darsi a una bella camminata regolare riduce, infatti, il rischio di cancro al seno e di malattie cardiache, allunga la vita, previene il diabete e l’obesità infantile. Inoltre è tra le attività più efficaci per bruciare calorie. Ma c’è un modo per aumentare i benefici di una bella camminata?

Se da un lato è ormai assodato che, se vogliamo avere il massimo dei benefici, dobbiamo accelerare il passo (diversi studi hanno evidenziato infatti i tanti vantaggi per la salute di una bella camminata a passo svelto), dall’altro non dobbiamo dimenticare che ci sono altri piccoli segreti da tenere a mente.

Leggi anche: Ecco il programma 31 giorni: il modo per perdere peso camminando

Ecco quali:

Perfeziona il tuo passo

Uno degli errori più comuni è quello di fare enormi falcate, ma un passo troppo lungo può richiedere troppi sforzi alle ginocchia e alla parte bassa della schiena. La cosa migliore è invece attenersi alla lunghezza naturale del passo o semplicemente aumentare la velocità della camminata.

Anche il modo in cui si poggia il piede è importante: l’ideale sarebbe fare un passo dal tallone alla punta, nel senso che si mette il ​​​​passo sul tallone e poi si fa rotolare il peso in avanti fino alle dita dei piedi prima di sollevare di nuovo il piede. Ciò consente di utilizzare meglio i muscoli posteriori della coscia e i glutei per potenziare la falcata e allevia lo sforzo delle ginocchia e della parte bassa della schiena. 

Infine, mantieni i tuoi piedi leggeri ad ogni passo. 

Allunga (e rafforza) il tuo core

Impegnare il core mentre si cammina supporta una postura migliore. Camminando, usa gli addominali per creare lunghezza tra il coccige e lo sterno, il che dà maggiore stabilità nella parte inferiore della colonna vertebrale e dei fianchi, consentendo una gamma completa di movimento sulla gamba per un passo più lungo. In più, puoi sferrare dei pugni mentre cammini, l’ideale per attivare molti gruppi di muscoli del core durante le tue passeggiate e ad aumentare la frequenza cardiaca, rendendo più efficace l’allenamento e favorendo il metabolismo.

Allenamento a intervalli

Si può per esempio aumentare il ritmo della camminata per due minuti, quindi rallentarlo leggermente per un minuto e poi riprenderlo per due minuti. Scoprirai che è sorprendentemente efficace.

Fai movimenti differenti

Camminare in avanti su un terreno pianeggiante può essere super ripetitivo per le articolazioni e può portare a trascurare altri muscoli del corpo, ma questo è facile da risolvere: meglio camminare su terreni irregolari, come la sabbia, ma anche dove ci sono parecchi saliscendi, il che può “risvegliare” i muscoli in un modo diverso. Se questi tipi di percorsi non sono alla tua portata, puoi semplicemente aggiungere una rapida serie di passi laterali e inversi.

Fai delle pause fitness

Prova a inserire durante la camminata degli esercizi a corpo libero: se vedi una panchina del parco fai delle flessioni, oppure dedicati a degli affondi sul prato e poi continua la tua passeggiata. L’aggiunta di queste pause fitness durante la camminata mescola le cose e allo stesso tempo rende il tuo allenamento generale più impegnativo. 

Sui benefici del camminare ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook