©Tomáš Havel/123rf

Cosa succede al corpo se cammini tutti i giorni a digiuno, prima di fare colazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Camminare? Tra tutte le attività fisiche, è quella che più consente di avere ottimi risultati con uno sforzo davvero minimo, di tenere sotto controllo il peso, di mantenere allenato il sistema cardiocircolatorio, di tonificare i muscoli ed eliminare, perché no, anche lo stress accumulato. Sotto molti aspetti, inoltre, camminare al mattino e prima di fare colazione è ancora meglio, a patto che però si presti attenzione ad alcuni potenziali rischi.

Se secondo alcuni studi allenarsi a stomaco vuoto può aiutare a bruciare più massa grassa, ciò non significa che si dimagrisca più in fretta. Il discorso è un po’ più articolato.

Leggi anche: Ecco il programma 31 giorni: il modo per perdere peso camminando

Il presupposto dal quale è necessario partire è che durante l’allenamento il corpo si affida a tre importanti fonti di energia: i macronutrienti dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Su questi, gioca tutta la rilevanza di qualsiasi tipo di allenamento. Da ciò, derivano tutti i benefici di una camminata a digiuno, al mattino prima della colazione, ma anche tutti i potenziali svantaggi.

Vantaggi di camminare prima di colazione, cosa succede al corpo ?

Dimagrisce

I carboidrati vengono subito scomposti in glucosio, il miglior carburante per il nostro organismo. Il glucosio, a sua volta, scorre nel sangue e viene immagazzinato sotto forma di glicogeno nei muscoli e nel fegato, fornendo un rapido apporto di energia e risultando così essenziale per le attività fisiche ad alta intensità. Dopo il digiuno notturno, le riserve di glicogeno, soprattutto quelle nel fegato, sono molto scarse: è per questo che, essendoci poco glicogeno a disposizione, il corpo risponde bruciando più massa grassa se si va a camminare senza aver mangiato prima.

Diverse ricerche hanno dimostrato come l’esercizio fisico a digiuno aumenti la combustione dei grassi durante e dopo l’allenamento.  Camminare prima di fare colazione, anche solo per 30 minuti, permette quindi di attingere alle riserve di grasso, bruciandone quindi maggiormente che in altri orari della giornata.

É meno stressato

Camminare al mattino, esporsi così alle prime luci della giornata, mette di buonumore e riduce automaticamente lo stress. L’attività fisica, infatti, è in grado di stimolare la produzione di endorfine, gli ormoni del buonumore che generano uno stato di benessere psicofisico. Respirare aria fresca, inoltre, rimette in moto e i pensieri positivi.

É meno predisposto al rischio di malattie cardiache

Camminare a passo veloce riduce il rischio di malattie cardiache. E, a parità di energia, la camminata veloce è più efficace della corsa. Lo rivela uno studio pubblicato dalla American Heart Association. La camminata e la corsa coinvolgono entrambe gli stessi gruppi muscolari e basta una semplice camminata, almeno di 30 minuti al giorno, per stare meglio.

É più creativo e più produttivo

Prima di metterci a lavoro e prima ancora di mettere in bocca qualche boccone, andiamo a fare una bella camminata. Quando camminiamo immersi nella natura, la nostra capacità creativa aumenta del 50%. Camminare nel verde è davvero benefico per il cervello, così come lo sono staccare la spina dalle attività quotidiane e fare movimento. L’ambiente naturale, secondo gli esperti, gioca un ruolo fondamentale nel nostro modo di pensare e di comportarci. Il cervello si riposa e si prepara a dare vita a nuovi processi di pensiero creativo.

Leggi anche: Cervello più creativo se cammini nella natura

Ricapitolando, camminare prima della colazione: 

  • fa dimagrire
  • riduce lo stress
  • protegge dalle malattie cardiache
  • aumenta creatività e produttività

Svantaggi di camminare prima di fare colazione

Andare a camminare prima di mangiare può non essere indicato per tutti. Dal momento che le proteine, per essere trasformate in zuccheri, vengono prese dai muscoli, innanzitutto l’ideale sarebbe non farlo tutti i giorni, altrimenti si incentiva il catabolismo muscolare e il rischio è quello, con il passare del tempo, di perdere forza e massa muscolare.

Inoltre, un’altra controindicazione di un allenamento a piedi al mattino c’è quella legata alla pressione: generalmente, appena svegli la pressione sanguigna tende a essere un po’ più bassa del solito e questo potrebbe essere fastidioso per alcuni: meglio attendere una decina di minuti, magari prendendo un caffè che può aiutare a riportare la pressione ai livelli consueti.

Allenarsi a stomaco vuoto, dunque, può essere fatto ma a patto che non si esageri.

Per migliorare la propria forma fisica, ricordatevi che il troppo – soprattutto per chi non è allenato – non va mai bene. Meglio concentrarsi su allenamenti regolari e moderati e un perfetto stile alimentare.

Detto ciò, ecco tutti tutti gli errori da non fare a colazione.

Sui benefici del camminare ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook