Camminare fa bene: cosa succede al cervello quando non ci muoviamo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Camminare e fare attività fisica fa bene ma cosa succede al nostro cervello quando non lo facciamo per pigrizia o perché fisicamente impossibilitati?

Camminare fa bene, lo sanno anche i bambini. Numerose sono le ricerche che hanno dimostrato i vantaggi per la nostra salute del farlo regolarmente ma un nuovo studio ha messo in luce che il movimento fa bene anche a cervello e sistema nervoso e la sua assenza può addirittura ridurre la produzione di nuove cellule.

Solitamente l’attività fisica è associata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari, al sovrappeso e all’obesità ma sono ormai tante le ricerche che hanno dimostrato come questa sana abitudine sia benefica contro alcune malattie come il cancro al seno e addirittura riesca anche a prolungare l’aspettativa di vita da chi è stato colpito da un tumore.

Ma non è tutto qui.

Cosa succede al cervello quando non ci muoviamo

Il nuovo studio, condotto dagli scienziati dell’Università Statale di Milano e quelli dell’Università di Pavia, si è concentrato invece sugli effetti del prolungato stop muscolare sulle cellule staminali neurali.

Gli scienziati hanno scoperto che camminare e più in generale fare esercizi con le gambe fa bene al cervello stimolando la formazione di nuove cellule nervose. Al contrario, rimanere fermi a lungo, ad esempio durante le missioni spaziali o a causa di un riposo a letto per lunghi periodi, provoca alterazioni funzionali in molti organi del corpo umano, comprese modifiche della funzione neuromuscolare scheletrica. Secondo la nuova ricerca, infatti, viene alterata la neurogenesi ossia il processo di formazione di nuove cellule nervose a partire dalle cellule staminali neurali.

Sia gli astronauti che i pazienti affetti da patologie croniche, a causa della riduzione dell’attività dei muscoli, affrontano una compromissione delle prestazioni muscolari e cerebrali, influenzando quindi non solo il sistema motorio e metabolico ma anche il sistema nervoso.

Anche se lo studio è stato condotto sui topi, la ricerca ha avuto il merito di aver mostrato gli effetti del movimento delle gambe sul nostro cervello e sulla produzione di cellule staminali neurali.

Lo studio è stato pubblicato su Frontiers in Neuroscience.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook