@ macniak/123rf.com

Bonus Terme: come funziona, quando richiederlo e dove trovare l’elenco delle strutture accreditate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da fine ottobre disponibile il Bonus terme, un incentivo di valore pari a 200 euro per usufruire di servizi negli impianti termali. Ecco come fare per ottenerlo, quando richiederlo e dove sarà possibile trovare l’elenco delle strutture accreditate 

Il ministero dello Sviluppo economico (MISE) ha previsto un nuovo incentivo finalizzato a sostenere l’acquisto da parte dei cittadini di servizi termali presso gli stabilimenti termali accreditati.

Il Bonus Terme è un’agevolazione economica di valore massimo di 200 euro, di cui i cittadini potranno beneficiare negli stabilimenti termali: esso coprirà fino al 100% del servizio acquistato; se il costo del servizio supera il tetto massimo del bonus, la parte eccedente sarà a carico del cittadino. Per questo incentivo sono stati stanziati 53 milioni di euro.

Diversamente da altri tipi di incentivi stanziati dal governo in questi mesi di pandemia che prevedono limitazioni economiche (come ad esempio il Bonus Vacanze), il Bonus Terme è rivolto a tutti i cittadini maggiorenni e residenti nel nostro paese, senza limiti di ISEE e senza limiti legati al nucleo familiare. L’unico vincolo per il suo utilizzo è il fatto che questo va utilizzato in un’unica volta, senza possibilità di ripartirlo in più servizi. (Leggi anche: Bonus Vacanze 2021 “potenziato”: sconti anche in agenzie di viaggio)

Quali terme accreditate per il bonus?

Il cittadino dovrà prenotare i servizi termali presso uno stabilimento termale accreditato di sua scelta (l’elenco degli stabilimenti termali accreditati sarà disponibile sui siti internet del ministero e di Invitalia, nel momento in cui scriviamo non è stato ancora reso noto). 

Come funziona il bonus?

La prenotazione dovrà essere effettuata presso lo stabilimento termale prescelto, che provvederà a rilasciare l’attestato di prenotazione, e avrà un termine di validità di 60 giorni dalla sua emissione; i servizi prenotati dovranno essere usufruiti entro tale termine.

L’ente termale presso il quale il cittadino ha fruito i servizi termali provvederà a richiedere a Invitalia, mediante apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ministero dello Sviluppo economico

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook