6 facili consigli per rendere più green i tuoi barbecue estivi

barbecue_green

Si è tenuta nei giorni scorsi ad Asiago, la seconda tappa di Griglie Roventi", il campionato di barbecue che ha già suscitato molte reazioni di sdegno tra i vegetariani e gli ambientalisti. Come se non bastasse con l'arrivo della stagione estiva milioni di famiglie nel mondo rispolvereranno i loro barbecue per allegre grigliate in compagnia di parenti ed amici.

Si stima che saranno prodotte e rilasciate nell'atmosfera 225.000 di tonnellate di biossido di carbonio, meglio noto come anidrite carbonica. Inoltre una buona parte di queste persone non si limita ad usare il barbecue solo in estate, ma vi si dedica tutto l'anno.

Quindi se anche voi non potete fare a meno delle grigliate in compagnia, eccovi 6 facili consigli, che vi permetteranno di cucinare in modo più salutare ed eco-compatibile in questa calda e afosa estate.

1. Utilizzate per cucinare delle griglie a propano, a gas o elettriche.

Questo tipo di barbecue è decisamente più ecologico e brucia in modo più “pulito”; non lascia residui rispetto ai tradizionali grill con carbone o legna. Questo significa che avremo aria più pulita e una minore emissione di gas inquinanti nell'atmosfera.

2. Utilizzate esclusivamente carbone di legna naturale.

Se avete scelto di utilizzare dei barbecue a carbone assicuratevi almeno di acquistare della carbonella di legna naturale al 100%. Prodotti non completamente naturali possono contenere sostanza quali polvere di carbone, nitrato di sodio, segatura, amido, o calcare. Evitate le bricchette già imbevute di liquido accendifuoco poiché possono rilasciare sostanze organiche volatili molto dannose. Una valida alternativa alla carbonella tradizionale è sicuramente la Green Grill commercializzata in Italia da Ecotoys, un prodotto vegetale ottenuto mediante la lavorazione di gusci di noci di cocco senza il taglio di foreste e mangrovie.

3. Non utilizzate accendifuoco liquidi.

Molti degli accendifuoco in commercio sono a base di petrolio e contengono elevate quantità di COV (Composti Organici Volatili) che possono essere sprigionati nell'aria durante la combustione. Piuttosto per accendere il vostro barbecue utilizzate un camino, un accendigas elettrico o un qualsiasi altro modo meno inquinante.

4. Evitate gli sprechi.

Acquistate solo quello che realmente è necessario. Fate una bella conta degli ospiti e comprate la giusta quantità di cibo. Eviterete così inutili sprechi.

5. Concentratevi sulla qualità dei cibi.

I vostri amati ospiti, che tanto hanno a cuore il nostro pianeta, non potranno non apprezzare l'ottima carne biologica di bovini allevati al pascolo e nutriti esclusivamente con erbe di qualità. E cosa dire delle verdure grigliate senza pesticidi e magari dei pomodori del vostro orto. Il tutto accompagnato da vino e birra organici e da acqua rigorosamente di rubinetto così da risparmiarci decine di bottiglie di plastica. Per finire un po di funghi biologici e magari degli hamburger vegetariani per avere finalmente un pasto a basso impatto ambientale.

6. Uso e riuso.

No a stoviglie usa e getta. Senza prendere il servizio di fine porcella che vi è stato regalato per le nozze cercate di usare piatti, bicchieri e posate di tutti i giorni. Se proprio non potete fare a meno della plastica optate l'unica raccomandazione è quella di raccogliere tutte le stoviglie, lavarle e conservarle per la prossima occasione. In alternativa comprate quelle biodegradabili in mater-bi che sono anche compostabili.

Affinché questi consigli non siano solo un fuoco di paglia, grigliate con coscienza.

Lorenzo De Ritis