Mondiali Sudafrica 2010: con il Brasile trionfa l’Olanda, ma pareggia l’eco-sostenibilità

brasile-olanda-magliette-riciclate
A gran sorpresa è finita 2-1 la partita dei quarti di finale del mondiale di calcio in Sudafrica tra Olanda e Brasile, ma l’eco sostenibilità ha pareggiato grazie alle magliette dei calciatori delle due squadre, realizzate completamente con materiali riciclati. Avversari in campo, quindi, ma uniti nel rispetto dell’ambiente.

Le due Nazionali infatti hanno in comune lo sponsor Nike, che per le divise della Selecao e degli Orange ha usato un particolare tipo di poliestere, riciclato al 100% e realizzato con più di 13 milioni di bottiglie di plastica del peso complessivo di 254 tonnellate - altrimenti destinate alla discarica - in grado di coprire 29 campi di calcio o disegnare l’intera costa del Sud Africa lunga circa 3.000 chilometri.

Ogni maglia della squadra olandese e brasiliana (ma lo stesso vale per quelle dell’Australia, della Nuova Zelanda, degli Usa, della Slovenia, del Portogallo e della Serbia) è stata prodotta con otto bottiglie di plastica.

maglie_nike_mondiale

La multinazionale americana ha recuperato le bottiglie di plastica da alcune discariche del Giappone e di Taiwan, le ha fatte fondere per ottenere dei filati, che a loro volta sono stati trasformati in tessuto. Un procedimento che non solo permette di recuperare i rifiuti e risparmiare materie prime, ma anche di ridurre del 30% il consumo di energia rispetto ad una normale produzione di poliestere vergine.


mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento