squadra italia iaads 00

Otto ori mondiali in due, equamente divisi: è l’impresa eccezionale compiuta da Nicole Orlando e Sara Spano nel corso della terza edizione dei Mondiali di Atletica IAADS (International Athletic Association for people with Down Syndrome) che si è tenuta a Bloemfontein, in Sudafrica, dal 21 al 27 novembre scorsi. Un risultato strepitoso, che ha il sapore dei record, e di cui vogliamo ringraziarle pubblicamente.

Nonostante il silenzio dei media italiani, che hanno ignorato o quasi l'evento, i Campionati Mondiali di Atletica di Bloenfontein hanno visto il nostro Paese primeggiare in numerosissime discipline, grazie ad atlete ed atleti caparbi e motivati, che hanno saputo dare il meglio di sé.

Sfilata Italia Mondiali IAADS

Photo Credits, Mauro Ficerai

La biellese Nicole Orlando ha iniziato a collezionare medaglie sin dal primo giorno di gare, correndo i 100 metri con il tempo di 17”89, che le ha permesso di aggiudicarsi l’oro. Non paga, Orlando ha vinto anche il triathlon (lancio del peso, cento metri e salto in lungo), il salto il lungo, la staffetta 4x100 (accanto alle sue compagne di avventura Sara Spano, Sara Bonfanti e Giulia Pertile) e ha chiuso la sua partecipazione ai Mondiali con un argento nei 200 metri. Cinque medaglie totali, per una campionessa di cui dobbiamo davvero andare fieri.

nicole orlando intera 000

Mauro Ficerai - Photo Credits

La cagliaritana Sara Spano, che compirà sedici anni tra qualche giorno, ha invece vinto i 400 metri, i 200 metri e le staffette 4x400 (insieme a Sara Bonfanti, Giulia Pertile e Giovanna Tiano) e 4x100. Nei 200 metri ha preceduto proprio la Orlando, con la quale ha poi gareggiato e trionfato in squadra nella 4x100. Spano, così giovane eppure così vincente, si è rivelata una vera campionessa e ci auguriamo che possa regalarci nuove soddisfazioni, in futuro.

sara spano iaads 00

Sara Spano - Photo Credits

All’edizione sudafricana dei Campionati Mondiali di Atletica Leggera hanno preso parte, oltre all’Italia, anche Austria, Costa Rica, Finlandia, Francia, Portogallo, Turchia, Inghilterra, Messico e Sudafrica. La delegazione italiana, composta di 31 atleti e accompagnata, tra gli altri, anche dal Presidente Federale Marco Borzacchini, è tornata a casa con un bottino di ben 26 medaglie (18 ori, 7 argenti e 2 bronzi).

“Eravamo arrivati in Sudafrica con la consapevolezza di essere una delle nazioni più all’avanguardia nel mondo, ma vincere 26 medaglie, di cui 18 d’oro, è sicuramente un risultato che va oltre le aspettative.” – ha commentato entusiasta il Presidente Borzacchini“Siamo ad oggi una delle nazioni più forti nel mondo per l’atletica leggera riservata ad atleti con sindrome di Down e questo fa onore al nostro paese e al movimento paraolimpico. La cosa più importante comunque è stato raggiungere un risultato così importante in un movimento che, tempi e misura alla mano, ha fatto e sta facendo un salto di qualità incredibile. Torniamo vincitori da una trasferta insidiosa e con la convinzione che la strada intrapresa è quella giusta.”

Non possiamo che condividere la sua soddisfazione e fare i complimenti a tutti gli atleti della delegazione per aver tenuto alti i colori del nostro Paese!

Lisa Vagnozzi

Photo Credits Cover, Mauro Ficerai

LEGGI anche

Ognuno di noi è un’opera d’arte: i bambini con sindrome di Down ricreano dipinti famosi (FOTO)

Sindrome di down: 5 storie per dimostrare che nella diversità c’è bellezza e forza

Sindrome di Down: la video intervista al piccolo Giovanni che fa commuovere il web (#simpleinterview)

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

riso gallo

Riso Gallo

Riso Gallo Aroma: profumo esotico e sapore mediterraneo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram