Vaccino esavalente: su richiesta del Codacons la procura di Torino apre un’indagine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si torna a parlare di vaccini ma questa volta non per la possibile correlazione con la comparsa dell’autismo ma per fare chiarezza sul fatto che ai 4 vaccini obbligatori in realtà vengano spesso associati anche due vaccini extra, componendo così il cosiddetto vaccino esavalente. Ma ce n’è davvero bisogno e perché proprio quei due facoltativi piuttosto che altri?

A porsi queste domande è stata la Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) che si è attivata inviando delle segnalazioni subito accolte da Gianni Macchioni, Gip del Tribunale di Torino. L’interrogativo di fondo a cui si chiede una risposta è: perché se i vaccini obbligatori sono 4 (difterite, tetano, poliomelite, epatite B) spesso viene direttamente somministrato il vaccino esavalente che comprende anche due vaccini extra (pertosse e Haemophilus influenzare tipo B)? Quali sono i possibili rischi per i piccoli?

La Codacons in una nota parla chiaro: la somministrazione di 6 vaccini contemporaneamente “può comportare danni da sovraccarico e choc del sistema immunitario nei bambini, mentre sul fronte economico la procedura comporta un evidente spreco di soldi pubblici a carico del SSN pari a 114 milioni di euro all’anno a vantaggio delle multinazionali dei farmaci”.

Tra l’altro il più delle volte i genitori, denuncia la Codacons, non sono ben informati del fatto che al proprio bambino stiano iniettando anche due vaccini facoltativi che potrebbero quindi essere evitati.

Grazie a Macchioni continuano dunque le indagini sul vaccino esavalente, e il Pm ha sei mesi di tempo per completare gli accertamenti. L’obiettivo ambizioso è quello di vederci chiaro sulla questione vaccini pediatrici che vengono somministrati obbligatoriamente in Italia. Un’esigenza che si fa giorno dopo giorno sempre più forte, non a caso sempre più spesso ci sono nel nostro paese genitori che praticano l'”obiezione di coscienza”, scegliendo di non vaccinare i propri bambini.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Vaccini obbligatori sono davvero sicuri?

– Vaccino trivalente, autismo e diabete: la procura di Trani apre un’inchiesta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook