Vaccini e autismo: nuovo studio nega il legame

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il (famigerato) legame tra vaccini e autismo non avrebbe ragione di esistere. La conferma arriva da un nuovo imponente studio che mette al bando ogni possibile relazione tra la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia e rischio di disturbi dello spettro autistico.

Così, dopo che in Italia si sono susseguite inchieste, denunce al ministero e indagini, che secondo alcuni giudici lasciano il tempo che trovano, una ricerca svolta su più di 95mila bimbi colpiti da autismo e con fratelli maggiori ha eliminato i presunti legami tra il vaccino trivalente e l’aumento del rischio di tratti autistici.

LO STUDIO – Su 95.727 bambini, 1.929 (il 2%) avevano un fratello più grande con autismo. Nel complesso 994 ragazzini, (l’1% del campione complessivo) avevano ricevuto una diagnosi di autismo. Fra questi, 134 bimbi con la patologia avevano un fratello già colpito, rispetto a 860 (0,9%) tra quelli con fratelli senza autismo. Il tasso di vaccinazione per morbillo-parotite-rosolia (una o più dosi) per i bambini con fratelli non autistici era dell’84% (78.564) a 2 anni di età e del 92% (86.063) a 5 anni. Mentre i tassi di vaccinazione per i bambini con i fratelli più grandi autistici erano inferiori (73% all’età di 2 anni e 86% all’età di 5 anni). Secondo gli autori dell’indagine, quindi, l’analisi dei dati ha rivelato che il vaccino contro morbillo-parotite-rosolia non è da associare a un aumentato rischio di autismo a qualsiasi età.

Coerentemente con gli studi su altre popolazioni, non abbiamo osservato alcuna associazione tra la vaccinazione morbillo-parotite-rosolia e aumento del rischio di autismo. Non abbiamo trovato alcuna prova, inoltre, che ricevere 1 o 2 dosi di vaccino sia associato a un aumentato rischio di autismo tra i bambini con fratelli maggiori già malati“, spiegano gli esperti.

Insomma, lo scopo della ricerca, concludono, è stato quello di rassicurare quei genitori che, malgrado manchi qualsiasi evidenza scientifica, vedono un nesso causale tra vaccinazione e malattia o almeno ritengono l’immunizzazione preventiva contro certe patologie una concausa dell’autismo. Di fatto, in pratica, nessuna prova stabilisce che il vaccino provochi la sindrome, ma c’è solo un nesso temporale. l’iniezione che previene morbillo, parotite e rosolia viene infatti fatta prima della diagnosi di malattia autistica, che di solito arriva tra i 3 e i 6 anni.

Qualsiasi cosa voi pensiate e ritenete opportuno per i vostri cuccioli, i pediatri ribadiscono che i vaccini sono sicuri. Sta a voi comunque scegliere, purché sia una scelta ragionata, consapevole e informata.

Il lavoro pubblicato su Jama è stato finanziato dal National Institute of Mental Health, dai National Institutes of Health e dal U.S. Department of Health and Human Services.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Autismo e vaccini: nessun nesso per i giudici di Bologna, ribaltata sentenza del 2012

Autismo, colpa dei vaccini? Risarcimento dal Ministero della Salute per un bambino malato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook