Il trucco per far leggere i libri ai ragazzi creato da una mamma italiana che sta facendo il giro del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I vostri bambini non amano molto leggere? Chissà che con loro non possa funzionare l’ingegnoso trucco inventato da una mamma italiana e che, postato sui social, ha fatto il giro del mondo.

Purtroppo le statistiche parlano chiaro, si legge sempre meno e questa situazione riguarda non solo gli adulti ma anche i bambini e i ragazzi. Quest’ultimi sono senza dubbio oggi più attratti da smartphone, tablet e pc e stanno per questo perdendo il piacere della lettura.

La scuola, spesso, non riesce ad arginare la situazione e in alcuni casi e per diversi motivi può addirittura allontanare ancora di più i ragazzi  dai libri.

Ecco allora che il trucco di questa mamma potrebbe fare la differenza e, quasi miracolosamente, far improvvisamente gradire la lettura a bambini e ragazzi. Come? Stuzzicando il loro interesse in maniera originale e creativa.

Cosa si è inventata? La donna ha lasciato sul frigorifero un bigliettino per i suoi figli:

“Ragazzi: La password Wifi di questa settimana è il colore dell’abito di Anna Karenina nel libro. Ho detto il libro, non il film! Buona fortuna Mamma”.

Come avrete capito, per scoprire la password che tanto interessa ed è necessaria per potersi connettere, i suoi ragazzi non hanno altra alternativa che leggere il noto libro di Lev Tolstoj. La lettura diventa così una sorta di gioco e lo stimolo ad aprire il libro è maggiore.

Il trucco, pubblicato su una pagina Facebook dedicata ai genitori, ha avuto migliaia di condivisioni e ancor più reazioni da parte di mamme e papà entusiasti di questa semplice ma geniale idea, anche se non è mancato chi ha criticato questa proposta definendola triste o una “costrizione” mascherata da gioco.

In Spagna a condividere il trucco della mamma ci ha pensato il noto scrittore Juan Gómez-Jurado che così si è diffuso anche in questo paese. Anche qui i commenti degli utenti sono stati contrastanti, c’è chi ha apprezzato l’idea e chi invece pensa non sia questo lo stratagemma giusto per invogliare alla lettura bambini e ragazzi.

Voi che ne pensate?

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook