15enne canadese crea la torcia senza batterie che si alimenta tenendola in mano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il calore delle mani basterà a produrre l’energia necessaria ad alimentare una torcia. L’idea non è della Nasa ma di un’adolescente di 15 anni originaria del Canada, che è tra i finalisti mondiali del Google Science Fair dedicato ai giovani e alle loro idee in grado di cambiare il mondo.

Ann Makosinski è partita dalla cosa più semplice. Una torcia va solitamente tenuta in mano. E proprio l’energia che attraversa le mani, sotto forma di calore, avrebbe potuto in qualche modo fornire l’alimentazione necessaria alla torcia per funzionare. Il sistema non è nuovo ma è basato sulle celle Peltier. Questi moduli sono basati su un principio denominato effetto Seebeck.

In cosa consiste? L’effetto Seebeck è un effetto termoelettrico per cui, in un circuito costituito da conduttori metallici o semiconduttori, una differenza di temperatura genera elettricità. In questo modo, la corrente elettrica viene prodotta a causa della differenza di temperatura tra le due superfici adiacenti, le mani a contatto con la torcia.

L’obiettivo del mio progetto era realizzare una torcia che funzionasse esclusivamente con il calore delle mani. Utilizzando quattro celle di Peltier e sfruttando la differenza di temperatura tra il palmo delle mani e l’aria ambientale ho progettato una torcia che emette luce intensa senza batterie o componenti che si muovonoha spiegato Ann sul sito dell’iniziativa.

La 15enne ha illustrato inoltre i punti di forza della sua idea: “Il mio progetto è ergonomico, efficiente dal punto di vista termodinamico e occorre soltanto una differenza di temperatura di 5 gradi perché funzioni e produca fino a 5,4 mW a 54 lux di luminosità”.

Tra i finalisti del Google Science Fair c’è anche Elif Belgin, 16enne di Istanbul, che ha trovato il modo per creare la bioplastica usando le bucce di banana.

Ancora una volta sono i più piccoli a mostrare che un mondo più a misura d’uomo è ancora possibile.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

A 16 anni inventa la bioplastica fatta con le bucce di banana

Un orto dai rifiuti: giovani studenti salvano la pesca e la barriera corallina indonesiana

8 bambini che hanno provato a cambiare il mondo

La bambina americana che ha dichiarato guerra alle buste di plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook