Terra dei Fuochi: addio Giulio e Sara i due ‘fidanzatini’ di 5 e 6 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Terra dei Fuochi continua a mietere vittime innocenti. Giulio e Sara, due bambini di 5 e 6 anni, non ci sono più. Il cancro li ha portati via. Hanno smesso di soffrire e sono volati via a distanza di poche ore l’ uno dall’ altra. Ad annunciarlo è don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano da sempre in prima linea per la bonifica della vasta area tra le province di Napoli e Caserta inquinata dalla Camorra.

Per loro niente più chemioterapia, siringhe e letti d’ ospedale, ma solo l’ abbraccio tenero di Dio e la gloria tra gli angeli del paradiso. Per chi ha avuto la grazia di conoscerli, coccolarli, amarli, invece, il dolore è immenso, come immense sono l’ indignazione e la rabbia”, scrive don Patriciello.

Giulio e Sara erano conosciuti da tutti come i due “fidanzatini” del Santobono. Non si sono incontrati in un parco giochi, ma in un corsia del reparto oncologico, come racconta sulla sua pagina Facebook la giornalista Marilena Natale, giornalista impegnata contro la camorra.

“Malgrado il mostro, i due bambini non hanno mai smesso di sorridere anche quando i loro capelli cadevano e i loro corpi si trasformavano per via delle chemioterapie. Giorni, mesi, settimane”.

Giulio ha regalato a ‘Saretta’ un anello, promettendole che un giorno sarebbero stati felici insieme, lontano dai letti di ospedale. Ma mentre il loro amore cresceva, anche il mostro si ingigantiva, continua la giornalista. E purtroppo hanno pagato con la vita i ‘peccatacci’ di camorristi, industriali e politici, criminali senza scrupoli.

LEGGI anche: Terra dei Fuochi: le foto dei bambini malati di cancro pubblicate dal Don Patriciello accendono le polemiche

“È tutto nella norma? Ci stiamo preoccupando inutilmente? Siamo solo dei poveri ” allarmasti” o, invece, ci troviamo a combattere con degli scaltri e interessati ” negazionisti”? Altrove muore di cancro tanta gente come nella ” terra dei fuochi”? Non spetta a noi affermarlo. A noi spetta richiamare l’ attenzione dei medici, degli scienziati e dei politici. Noi non abbiamo titoli per affermare niente”, tuona il parroco.

Quello che sta accadendo nelle province di Napoli e Caserta, che è quotidianament sotto gli occhi di tutti, non può e non deve lasciarci indifferente. Un olocausto silenzioso, dolorosissimo e penoso, come lo definisce, che sta decimando un popolo. Facciamolo per questi due angeli. Raccontiamo e diffondiamo la loro storia.

Roberta Ragni

Fonte foto: internapoli.it

Leggi anche:

Terra dei fuochi: la lista nera dei Comuni più inquinati

Terra dei fuochi: finalmente svelata la verita’ choc su eco-mafie e rifiuti del pentito Schiavone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook