Sprechi alimentari: la bimba di 13 anni che dona il cibo della mensa ai senza tetto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dare aiuto alle persone che ne hanno bisogno, combattendo gli sprechi alimentari. È questa la mission di McKenna Greenleaf Faulk, una bimba statunitense di 13 anni, che ha superato gli ostacoli imposti dalla burocrazia nel suo distretto scolastico per donare cibo ai meno abbienti.

In una recente intervista con TakePart, è lei stessa a spiegarne il motivo: un americano su 6 è a rischio fame, mentre il Paese spreca circa il 40 per cento di tutti gli alimenti commestibili. Se gli americani sprecassero solo il 15 per cento meno cibo, si sfamerebbero 25 milioni di persone, per non parlare di come questo potrebbe aiutare l’ambiente risparmiando 33 milioni di tonnellate di rifiuti che finiscono in discarica.

Un americano medio spreca circa 13-20 chili di cibo al mese – continua la tredicenne-. Se sprecassimo meno cibo, potremmo nutrire più persone“. E ‘per questo che lei e alcuni compagni di classe della Thomas Starr King Middle School di Silver Lake, nell’area di Los Angeles, stanno lavorando per ridurre gli sprechi alimentari. Hanno lanciato un’iniziativa nella loro scuola con la speranza di diventare un modello per gliu altri istituti di tutto il paese.

C’era tutto quel cibo indesiderato alla mensa e abbiamo pensato: perché non prenderlo e regalarlo a qualcuno che ne ha bisogno, come le persone senza fissa dimora del quartiere, a cui può essere utile?“, dice la bimba. L’idea, grazie al supporto di un insegnante, è diventata un progetto di sostegno alla comunità, che individua un problema e cerca di risolverlo.

Ma McKenna ha presto imparato che il percorso era pieno di ostacoli. Le è stato detto che un progetto simile era già stato tentato da alcuni studenti del Los Angeles Unified School District. Il loro programma non è andato molto bene, dopo che un senzatetto si è ammalato a causa cibo lasciato a temperatura ambiente e il distretto scolastico è stato citato in giudizio. Ma la bimba non si è arresa davanti al primo no: doveva esserci un modo per far funzionare la sua idea!

Così ha pensato: “perché non un frigorifero? In questo modo il cibo sarebbe mantenuto alla temperatura ideale di 37 gradi, utilizzando dispositivi di raffreddamento anche durante il trasporto“. Così McKenna ha superato la burocrazia a livello e ha ottenuto l’autorizzazione per il progetto. Gli studenti hanno raccolto fondi per il frigorifero e hanno ricevuto anche una sovvenzione.

Oggi il cibo che viene inviato a rifugi è quello avanzato dalla mensa che non è mai stato aperto, come latte, banane e anche pizza. “Gli americani non hanno una cultura alimentare perché mangiano di tutto. Pensiamo solo mangiare e mangiare, e compriamo più di quanto possiamo gestire“, conclude la saggia ragazzina. Era accaduto anche nell’italianissima Torino nel 2010.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

“La pietanza non avanza”: nelle mense scolastiche di Torino il cibo non si butta più

Sprechi alimentari: la meta’ del cibo prodotto finisce tra i rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook