Lo sport di squadra migliora la salute mentale dei bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fare sport fa bene fin da piccoli! Se di squadra, ancora meglio! La conferma arriva da un ulteriore recente studio secondo il quale la partecipazione agli sport di squadra, in particolare, sarebbe risultata associata a un minor rischio di sintomi depressivi nei bambini.

I risultati di questa ricerca dell’università di Washington, pubblicata Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, suggerisce che l’esercizio fisico potrebbe avere effetti antidepressivi sugli adolescenti.

“Questi risultati interessanti forniscono importanti indizi su come l’esercizio fisico apporti benefici all’umore nei bambini e rivela l’importante ruolo che il genere gioca in questi effetti”, ha affermato Cameron Carter, MD, direttore di Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging.

Utilizzando l’imaging cerebrale, i ricercatori hanno dimostrato che il coinvolgimento nello sport era associato a un aumento del volume di una regione del cervello importante per la memoria e la risposta allo stress – l’ippocampo – sia nei ragazzi che nelle ragazze.

Tuttavia, il volume dell’ippocampo è stato associato a sintomi depressivi solo nei maschi. La ricerca ha coinvolto oltre 4.000 bambini dai 9 agli 11 anni, ed è la primo a collegare il coinvolgimento dello sport nella salute mentale e lo sviluppo del cervello nei bambini.

“Abbiamo scoperto che queste relazioni erano specifiche per la partecipazione allo sport e non per la partecipazione ad altri tipi di attività, come club, arte e musica, sebbene queste attività possano avere i loro benefici che non sono stati esaminati nello studio attuale”, hanno affermato le autrici Lisa Gorham e Deanna Barch, PhD, della Washington University di St. Louis.

Questo legame era particolarmente forte nel caso degli sport di squadra, dimostrando il vantaggio aggiuntivo dell’attività sportiva in team, dall’interazione sociale alla regolarità che comporta.

Dal calcio al volley, dalla pallanuoto al rugby, un motivo in più per promuovere sport che forniscono sia esercizio fisico che interazione sociale!

Roberta Ragni

Leggi anche:

I bambini di oggi non sono più capaci di fare una capriola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook