La vita dei bambini siriani spezzata dalla guerra. Ecco cosa puoi fare tu (petizione)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ad Aleppo non c’è pietà per nessuno, nemmeno per i bambini. Secondo Save the Children dal 23 settembre ad oggi, sono 136 quelli morti a causa degli attacchi effettuati con le bombe a grappolo e altri 387 i ricoverati.

Un numero approssimativo visto che, la maggior parte degli ospedali, sono stati distrutti o sono difficilmente raggiungibili. A poco è servita la tregua di qualche giorno tra Siria e Russia perché di fatto, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, nessun ferito è riuscito ad essere evacuato.

In appena un mese, oltre 137 attacchi sono stati effettuati con le bombe a grappolo, il cui uso è vietato dal diritto internazionale. Il perché è molto semplice: questo tipo di ordigni vengono sganciati dagli aerei o sparati da mezzi di terra e spargono bombe più piccole in grado di colpire aree molto vaste.

LEGGI anche: LA STRAGE DEI BAMBINI SIRIANI DI CUI NESSUNO PARLA

bambini aleppo2

Molte rimangono a terra ed esplodono quando i bambini le prendono in mano. Questo spiega perché il 40% delle vittime delle bombe a grappolo, nel mondo, sono minori.

Ad Aleppo i bambini sono privati di tutto. Chi rimane ferito ha scarse possibilità di sopravvivenza perché sono pochi gli ospedali rimasti in piedi; non ci sono luoghi sicuri perché ormai si bombardano scuole, mercati, piazze e i civili hanno scarsa possibilità di fuga.

LEGGI anche: ECCO COME MUORE UN NEONATO IN SIRIA. LA STRAGE SENZA FINE E LE BOMBE SUGLI OSPEDALI

Cosa possiamo fare noi per i bambini di Aleppo

Avaaz sulla propria piattaforma ha lanciato una petizione: Italia: proteggi i bambini di Aleppo, ora!

Se poco possiamo fare per fermare questa guerra senza fine, possiamo almeno dare il nostro contributo per far sì che si prevengano i massacri dovuti ai bombardamenti. Come? Istituendo una no fly zone, ovvero una zona dove non possano volare i bombardieri e dove i civili possano trovare riparo.

“Assieme possiamo convincere Obama, Renzi e tutti i leader internazionali che è ora di rispondere al terrore di Putin e Assad. Questa tragedia può essere l’occasione per fermare lo sterminio di massa di questi bambini indifesi”, si legge nella petizione.

LEGGI anche: SIRIA: MENTRE I GRANDI DECIDONO, I BAMBINI MUOIONO

bambini aleppo

Ad Aleppo est sono oltre 250mila le persone intrappolare che non hanno accesso a cibo, medicine o acqua potabile e quasi 100mila sono minori.

“Nessuna delle soluzioni per far finire la guerra in Siria è perfetta. Ma stare senza far niente è la cosa peggiore. Una “no fly zone” significherebbe poter minacciare di abbattere gli aerei che cercheranno di bombardare il nord del Paese. Se ci fossero i nostri figli sotto le bombe, cosa vorremmo che facesse il mondo?”, continua la petizione.

“Tutto quello che chiediamo è un cessate il fuoco duraturo e una soluzione politica negoziata. Finora ha fallito tutto. Aleppo è la prova che bisogna iniziare con il proteggere i civili. Una no fly zone fatta bene può non costare neanche una vita umana e salvarne innumerevoli. E i negoziati di pace saranno più facili se il presidente siriano Assad e la Russia vedranno che il mondo intero ha ancora a cuore la Siria”, conclude il testo della petizione.

bambini bombardamenti ospedali

Sempre sulla stessa piattaforma, Avaaz denuncia i crimini di guerra invitando i singoli cittadini a far sentire la propria voce attraverso i social network utilizzati dai leader di tutto il mondo.

“Sommergiamoli di tweet con hashtag #EUSaveAleppo a favore di un sostegno deciso alle reazioni che possono fermare il massacro dei civili. L’Europa non può far finta di niente di fronte a dei crimini di guerra”, si legge.

Qui tutte le informazioni su come aderire.

Clicca qui per firmare la petizione

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook