Cadono le bombe, papà siriano inventa un gioco per non far spaventare la figlia di 4 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni volta che una bomba cade, loro ridono. Lei è Selva e ha soltanto 4 anni, lui è suo padre Abdullah Al-Mohammad, fuori dalle quattro mura domestiche c’è la guerra civile siriana, tra le bombe e i proiettili. Così questo papà si inventa un gioco per esorcizzare la paura ed evitare traumi alla sua bambina.

Un video che ricorda tanto La vita è bella di Benigni, ma qui non siamo in un lager nazista, siamo a Idlib, nel nord-ovest della Siria, dove anche la Turchia ha progetti strategici e consensi politici e dove continuano a cadere le bombe. La famiglia di Abdullah Al-Mohammad è stata costretta a fuggire dalla propria casa a Saraqib e adesso vivono da un amico.

Il video è stato postato su Twitter da Mehmet Algan, ex deputato del Partito della Giustizia e dello Sviluppo turco della regione di Hatay che scrive: “Non hai bisogno di conoscere l’arabo per capire”. In primo piano ci sono loro. Ogni volta che cade una bomba, Abdullah chiede: “È un aereo o è un proiettile?” “Un proiettile”, risponde la figlia nel video. “Sì, e quando arriverà, rideremo”, dice Muhammed. Così a fa credere alla piccola che sia tutto un giovo e che quelli siano fuochi d’artificio o scoppi di una pistola giocattolo.

Fonte: Mehmet Algan/Twitter

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook