Sesta malattia: come riconoscerla e quanto dura l’incubazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sesta malattia. Tutti i genitori la conoscono in quanto si tratta di un problema che colpisce soprattutto i bambini molto piccoli, una malattia esantematica che però non comporta particolari conseguenze e generalmente sparisce in pochi giorni.

La sesta malattia deve il suo nome al fatto di essere stata la sesta patologia infettiva ed esantematica descritta dalla medicina. Colpisce soprattutto bambini tra i 6 mesi e i 2 anni ed è più frequente in primavera e in un autunno. Nei più piccoli difficilmente compare in quanto sono ancora protetti dagli anticorpi materni passati al feto attraverso la placenta e poi grazie al latte materno per chi è allattato al seno.

Questa malattia esantematica, tra le più frequenti, è causata dall’Herpes Virus umano di tipo 6B (HHV-6B) che una volta entrato nell’organismo scatena una reazione immunitaria che comporta prima alcuni giorni di febbre molto alta (può superare anche i 39°-40°) e successivamente la comparsa di un esantema con bollicine piatte di color rosa. Inizialmente lo sfogo cutaneo può essere confuso con quello del morbillo o della rosolia ma il decorso di questa malattia è decisamente più favorevole.

Leggi anche: SCARLATTINA: COME RICONOSCERLA E QUANTO DURA L’INCUBAZIONE (FOTO)

COME RICONOSCERE LA SESTA MALATTIA

L’esordio della sesta malattia comporta febbre elevata spesso accompagnata da irritazione alla gola, raffreddore, ingrossamento dei linfonodi, dolori muscolari o altri sintomi tipici dell’influenza. Solo quando compare l’esantema, una volta passata la febbre (in genere dopo 3-5 giorni), il quadro si fa più chiaro. Le bolle compaiono di norma prima sul collo e sul tronco (solo in ultimo sul viso) e tendono a scomparire nel giro di pochi giorni o addirittura ore.

Tutto sta nel riconoscere il tipo di esantema per capire se si tratta di sesta malattia o di altre patologie. Le bolle (piccole come la capocchia di uno spillo)in questo caso sono rosate ma al tatto tendono a schiarirsi ulteriormente diventando bianche. Inoltre, a differenza di altre malattie esantematiche, in genere non provocano prurito etendono a non desquamarsi una volta seccate. Per essere sicuri della diagnosi, comunque, sempre meglio affidarsi all’occhio esperto del proprio pediatra.

sesta malattia

Un altro sintomo tipico della sesta malattia è poi l’irritabilità e il nervosismo che può caratterizzare tutto il decorso della malattia.

Soloin rarissimi casila sesta malattia comporta complicazioni che sono dovute soprattutto alla febbre molto alta che può scatenare convulsioni, svenimenti e irrigidimenti muscolari. È evidente che in questo caso è necessario portare subito il piccolo al pronto soccorso.

QUANTO DURA L’INCUBAZIONE

L’incubazione della sesta malattia avviene generalmente in un periodo di tempo compresotra i 5 e i 15 giorniin cui non si manifesta alcun sintomo. Solo successivamente infatti compare la febbre e in questa fase della malattia la persona colpita è contagiosa, al contrario, una volta comparso lo sfogo cutaneo la malattia è già in fase di guarigione e non comporta problemi di trasmissione.

Il contagio avviene tramite saliva o muco, quindi attraverso le vie aeree di persone infette nel momento in cui starnutiscono, tossiscono ma anche semplicemente con l’emissione di gocce di liquidi infetti quando parlano o ridono. È evidente che scuole, asili, nidi, palestre e luoghi pubblici molto affollati sono frequenti scenari della trasmissione di questa e altre malattie.

Per quanto riguarda il trattamento,la sesta malattia generalmente si cura solo con farmaci antifebbrili, se necessario. Una volta passata poi, tende a non ripresentarsi nuovamente nella stessa persona.

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook