La scuola a energia solare che insegna ai bambini a coltivare e cucinare il proprio cibo (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci piacciono i progetti di scuole innovative che fanno sperare in un futuro migliore per noi e soprattutto per i nostri figli. Tra queste vi è la New Islands Brygge School che proporrà un approccio più pratico all’apprendimento grazie alla realizzazione di una struttura in cui si insegnerà ai bambini a coltivare e cucinare il proprio cibo e si darà molta importanza all’attività fisica.

Per il momento quello presentato dallo studio di architettura C.F. Moller è solo un progetto che riguarderà bambini di una scuola secondaria di primo grado situata nel cuore di Copenaghen, in Danimarca. L’edificio, che si estenderà su 9.819 metri tra le isole Brygge, il porto di Copenaghen e Amager Commons, sarà davvero originale in quanto, tra le altre cose, insegnerà agli studenti a raccogliere e cucinare il cibo coltivato sul tetto verde della struttura.

Questa speciale scuola si propone di mettere in relazione l’insegnamento teorico con l’apprendimento fisico, sensoriale e quello basato sull’esperienza. L’attenzione verso il cibo è indubbiamente uno dei temi principali del progetto educativo, per questo si è pensato ad una sala da pranzo a doppia altezza collocata nel cuore della struttura per fungere da punto focale e snodo principale dell’edificio. Due cucine fiancheggeranno poi l’area della mensa.

Gli studenti avranno l’opportunità di interagire con il cibo in diversi modi: attraverso serre e giardini urbani, in cucine all’aperto e grazie ad un falò per cucinare all’esterno della struttura.

Ma non solo questo aspetto è stato pensato in stile “green”. La scuola sarà infatti dotata di pannelli solari sul tetto e di una serie di tecnologie per il risparmio energetico. L’edificio, di forma triangolare e dal design dinamico a spirale, sarà costruito in modo tale da seguire alla lettera il “Danish low-energy code 2020” che stabilisce delle precise norme per il risparmio di energia. Per questo nella scuola sarà inclusa la ventilazione con recupero di calore, la ventilazione naturale, l’illuminazione controllata della luce del giorno e l’isolamento termico.

Grande importanza viene data poi all’attività fisica inserita nel programma di studi e per questo gli architetti hanno creato più aree ricreative all’aperto sul tetto che includono una pista da corsa, un’area parkour e un campo da calcio coperto.

Gli spazi interni ed esterni della scuola sono progettati per essere in stretto contatto l’uno con l’altro. Ogni classe ha accesso diretto al panorama del tetto dalla propria area di residenza mentre la zona dedicata alle scienze naturali è collegata ad un’area esterna con un giardino di biologia, una serra per la fisica e la chimica e altri giardini.

scuola coltiva cibo
scuola coltiva cibo1
scuola coltiva cibo2
scuola coltiva cibo4
scuola coltiva cibo5

Se vi interessa approfondire altri progetti di scuole speciali leggete anche i seguenti articoli:

Chi non vorrebbe per i propri figli una struttura innovativa del genere?

Francesca Biagioli
Foto: cfmoller

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook