La Scozia vieta per legge di dare sculacciate e schiaffi ai bambini. E’ il 58° paese al mondo

punizioni-bambini

In Scozia una nuova legge prevede il divieto di dare sculacciate e schiaffi ai bambini. Questa nazione diventa così il primo paese del Regno Unito a vietare le punizioni corporali facendole diventare a tutti gli effetti un reato perseguibile penalmente.

La Scozia, però, non è certo il primo paese europeo o extraeuropeo a fare una scelta del genere. Vi abbiamo già parlato della Francia dove una norma simile è stata approvata pochi mesi fa. Mentre in paesi come Svezia, Finlandia, Tunisia, Polonia e molti altri, il divieto di usare le mani contro i bambini è già attivo da tempo.

Anche il Galles sembra essere sul punto di introdurre un divieto simile mentre al momento non è previsto che Inghilterra o Irlanda del Nord seguano l’esempio dei sopracitati paesi o della vicina Scozia.

Il divieto di infliggere qualsiasi tipo di punizione fisica ai bambini è stato sostenuto in modo schiacciante dal parlamento scozzese con 84 voti favorevoli e 29 contrari e, una volta in vigore, andrà a cambiare l’attuale normativa che prevede per genitori e tutori la possibilità di usare una forza fisica “ragionevole” per disciplinare i propri figli.

A proporre la novità in Scozia è stato il deputato John Finnie che ha affermato che queste tipologie di punizioni non fanno altro che insegnare ai bambini che la “forza è giusta” mentre il divieto “invierebbe un messaggio forte che la violenza non è mai accettabile in nessun contesto“.

scozia-no-schiaffi

Come hanno capito anche in Scozia, la punizione fisica danneggia i bambini, non è una forma efficace di disciplina e può trasformarsi in alcuni casi in abuso fisico. La nuova legge permette di perseguire i genitori che schiaffeggiano, colpiscono con una mano o un attrezzo, danno calci o scuotono i bambini ma è vietato anche pizzicare e tirare i capelli oltre che costringere i piccoli a rimanere in posizioni scomode.

Il divieto è comunque ancora molto criticato e, secondo i sondaggi, la maggior parte della popolazione non sarebbe d’accordo con quanto stabilito dal proprio parlamento.

Chi si oppone alla nuova legge è convinto che lievi punizioni corporali non possano fare danni a lungo termine a un bambino, ma molti enti di beneficenza e psicologi dell’educazione non sono d’accordo. Inoltre si teme che il provvedimento possa criminalizzare anche i “genitori buoni” alle prese con un “ragionevole castigo”.

E nel nostro paese? In Italia ancora non esiste una precisa legge per vietare le punizioni corporali ma solo una sentenza della Corte di Cassazione che si è espressa contro l’uso di percosse nei confronti dei bambini.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook