La scatola dei nastri: come realizzarla per i bambini (e migliorare la loro motricità fine)

Nel metodo Montessori i giocattoli sono importanti e si possono realizzare spesso anche con il fai da te, purché rispettino alcune caratteristiche. Per esempio si privilegiano materiali naturali e giocattoli in grado di aiutare i bambini a esplorare il mondo in modo autonomo e ad apprendere di volta in volta nuove abilità.

A seconda dell’età dei destinatari e dell’obiettivo del gioco, il metodo Montessori propone innumerevoli idee lasciando spazio alle rivisitazioni.

Fra queste si annovera la scatola dei nastri o dei lacci (in inglese tugging box), semplicissima da realizzare, economica e assolutamente divertente. Una scatola pensata affinché il bambino possa tirare i nastri, scoprendo cosa succede.

Per realizzarla vi occorrono:

  • una scatola di cartone;
  • una matita;
  • nastri di diversi materiali (feltro, corda, stoffa ecc.) e lunghezza;
  • nastro adesivo;
  • forbici o taglierina;
  • pittura a tempera;
  • pennello.

La prima cosa da fare per rendere la scatola più carina, anche se si tratta di un passaggio opzionale, è dipingerla con i colori a tempera, lasciandola poi asciugare. Quindi con le forbici si praticano dei fori e vi si infilano, man mano, i nastri facendoli passare prima da un foro e poi da un altro, annodandoli alle estremità. Volendo, se i nastri sono lunghi, potete addirittura infilarli in 3 o più fori.

I fori in cui infilate i nastri non devono essere per forza posizionati alla stessa altezza o sul lato opposto, è interessante creare intrecci inaspettati, infilando per esempio un nastro in un foro e facendolo uscire da un foro posizionato più in basso o più in alto, anche sui lati a destra e a sinistra rispetto al lato di partenza.

I nastri non devono avere tutti la stessa lunghezza perché se le lunghezze sono diverse, il gioco è più divertente e stimolante. E accorgendosi che ce ne sono alcuni che si possono tirare più di altri, vostro figlio si divertirà moltissimo. La scatola va quindi sigillata con del nastro adesivo.

Molto importante utilizzare nastri di vari materiali per garantire un’esperienza tattile più soddisfacente per il bambino, che scoprirà attraverso le manine l’esistenza di trame diverse.

Oltre all’esperienza sensoriale e di scoperta, è possibile dare al bambino anche un obiettivo, rendendo il gioco ancora più coinvolgente. Basta fornirgli degli scovolini giocattolo e invitarlo a inserirli nei fori vuoti (occhio a lasciarne diversi).

Dovrà trovare da solo la tecnica giusta per inserirli più facilmente e questa ricerca gli servirà per imparare a coordinare mano e occhio, a tutto beneficio delle sue capacità motorie e di ragionamento logico.

Per altri interessanti tutorial in inglese, clicca qui e qui.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: Miraculove

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

tuvali
seguici su Facebook