Il curioso rito estivo olandese: lasciare i bambini soli nella foresta di notte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Soli, spaesati, in preda alla paura di perdersi, avvolti dal buio, circondati dai versi di animali selvatici. Così si ritrovano i bambini olandesi abbandonati nella foresta da mamma e papà.

Come moderni “Hansel e Gretel”, si inoltrano nei boschi per affrontare le proprie paure, sperando di non imbattersi in folletti dispettosi, gnomi crudeli e streghe cattive, e poco importa che la notte sia buia e tempestosa, in Olanda funziona così da secoli.

Il rito di passaggio che li fa diventare adulti si chiama “drop down”, che significa “essere buttati giù”, perché lo scopo è proprio “far cadere i bambini nel mondo”, svegliarli quando l’ora è arrivata, tra i 12 e i 13 anni, in modo che imparino da subito ad affrontare le sfide della vita con le proprie forze. Perché gli olandesi sono così, indipendenti, e all’autonomia dei figli ci tengono, convinti che sia fondamentale per il loro futuro.

Sebbene rispetto a un tempo ci sia qualche limite in più, la pratica è stata infatti regolamentata, è ancora raro che i genitori seguano a distanza i figli, di solito li lasciano completamente soli. E il team di scout che spesso li deposita in luoghi sconosciuti fa rientro alla base, in loro attesa.

I bambini si immergono nelle foreste in gruppo e passa anche l’intera notte prima di ritrovare la strada. Ai meno fortunati capita di essere bendati prima dell'”abbandono” e gli adulti più dispettosi si nascondono nei dintorni per tramare orridi scherzetti!

Ma è così, secondo gli olandesi, che si impara a contare su se stessi e sulle proprie forze, a fare gruppo, a non dipendere eccessivamente dai genitori, a capire che la vita comporta delle sfide inevitabili e che bisogna imparare ad affrontarle. Tant’è che il rito di passaggio di antica memoria non è affatto scomparso nei secoli, anzi oggi è più vivo che mai.

E se a noi può sembrare strano, bizzarro, persino crudele, iperprotettivi come siamo verso i figli, per gli olandesi siamo noi i pazzi! Che abbiano un po’ di ragione?

Ti potrebbe interessare anche:

Fonte: nytimes

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook