Tiger richiama i suoi pennarelli per sostanze pericolose dopo il test di Altroconsumo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tiger ha richiamato i pennarelli venduti nei suoi negozi, in seguito ai test condotti da Altroconsumo e da altre riviste di consumatori, tra cui l’austriaca Konsumet.

I test hanno rilevato quantità oltre i limiti di legge di due conservanti, nonché la presenza di un solvente organico.

Conservanti e solventi nei pennarelli Tiger

I due conservanti trovati nell’inchiostro dei pennarelli sono il methylisothiazolinone e chloromethylisothiazolinone, considerati pericolosi e inquinanti, mentre il solvente tossico è il toluene.
I risultati del test hanno mostrato la presenza  dei due conservanti pennarelli verdi Flying Tiger e del solvente organico nelle matite blu. Questo ha influenzato il giudizio finale sui pennarelli, classificati come pericolosi.
Queste sostanze potrebbero esporre i più piccoli a problemi di salute: i bambini infatti possono venire a contatto con queste sostanze sporcandosi le mani o la bocca mentre utilizzano i pennarelli per colorare.

Per questo motivo, secondo le linee guida della Commissione Europea i pennarelli devono rispettare la Direttiva Europea 2009/48/CE sui giocattoli e non devono contenere sostanze chimiche che possano arrecare pericolo per la salute dei bambini.

Tiger ha così deciso di richiamare tutti i lotti di pennarelli venduti poiché, nonostante riportino il marchio CE, non risultano conformi alla normativa comunitaria. L’azienda ha inoltre fatto sapere che provvederà ad effettuare i dovuti controlli per risolvere il problema.

La classifica dei pennarelli secondo Altroconsumo

I test di Altroconusumo  hanno riguardato 18 marche di pennarelli per valutarne le qualità tecniche e la sicurezza.

In particolare sono state analizzate performance come la durata di scrittura e la lavabilità dell’inchiostro e sono state misurate le quantità di conservanti, solventi organici e metalli pesanti.

I test di laboratorio hanno mostrato che la maggior parte dei pennarelli esaminati sono lavabili dai tessuti a 30°C ma non a temperature di lavaggio superiori, probabilmente perché temperature maggiori fissano il colore.

Inoltre, si è evidenziata la poca sostenibilità dei prodotti comune a tutti i pennarelli poiché non sono ricaricabili, non possono essere riciclati completamente e si consumano troppo in fretta. La durata dei pennarelli può essere aumentata richiudendoli sempre dopo l’uso ed evitando di conservare i colori vicino a fonti di calore.

Test Altroconsumo pennarelli

Test Altroconsumo

Oltre ai pennarelli Tiger sono stati bocciati anche i pennarelli Kidea Coloriamo poiché nell’inchiostro verde sono state riscontrate elevate quantità di un conservante (octylisothiazolinone) il cui uso non è regolamentato dall’Unione Europea.

Altroconsumo ha chiesto l’intervento del Ministero della Salute perché regolamenti l’uso di conservanti nei giocattoli e ritirare dal mercato i pennarelli risultati pericolosi e fuori norma.

La classifica completa dei pennarelli analizzati in laboratorio è disponibile sul numero di settembre del Salvagente di settembre e sulla rivista Altro

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook