I bambini non dovrebbero saper leggere e scrivere prima dei 6 anni. La prescolarizzazione può essere dannosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se tuo figlio non sa leggere o scrivere all’età di 6 anni, non c’è niente di male, anzi meglio così! La prescolarizzazione, infatti, può essere dannosa per i bambini. A dirlo alcuni educatori infantili.

L’Asociacion Mundial de Educadores Infantiles sfata un po’ il luogo comune che, per facilitargli il compito, i bambini dovrebbero essere stimolati ad apprendere i primi rudimenti di alfabetizzazione già prima dei 6 anni (quindi non ancora arrivati alla scuola primaria).

Secondo gli educatori per l’infanzia AMEI-WAECE, al contrario, si stanno forzando un po’ troppo i bambini ad imparare a leggere e scrivere prima di quando dovrebbero. E questo potrebbe finire per influenzare negativamente lo sviluppo cognitivo e socio-emotivo dei piccoli.

Tra di loro, a spalleggiare questa tesi, vi è Juan Hortal, insegnante cileno di educazione della prima infanzia. La sua esperienza, ventennale e in diverse scuole, gli fa affermare con certezza che:

“I bambini non dovrebbero imparare a leggere e scrivere a quell’età, può essere dannoso. Gli asili vogliono che acquisiscano queste conoscenze prima di entrare nella scuola Primaria ma non dovrebbero farlo. Non voglio dire che non imparino nulla. Quello che credo è che i bambini non dovrebbero essere obbligati a sapere come leggere e scrivere all’età di sei anni”

Juan è sostanzialmente a favore del “rispetto dei ritmi” degli studenti, non tutti i bambini in effetti prima dei 6 anni sono pronti a recepire una prescolarizzazione, ad imparare vocali, consonanti e a metterle insieme. Trattarli tutti nello stesso modo, quando invece ognuno è un caso a sé, potrebbe essere dannoso. Il bambino che non raggiunge il livello dei suoi coetanei potrebbe ad esempio sentirsi “frustrato”.

Anche, secondo gli psicologi e pedagoghi di Ampsico:

“l’obbligo di imparare a leggere e scrivere (precocemente n.d.r) può portare a problemi successivi come la bassa autostima. Il bambino può credere di non avere la stessa capacità dei suoi coetanei, il che potrebbe danneggiarlo in futuro”.

Prima dei 6 anni, secondo Juan Hortal, il metodo di apprendimento dovrebbe essere un altro: bisognerebbe lavorare soprattutto sulle emozioni e sui sentimenti, ad esempio su come gestire la rabbia, accettare le regole, comunicare i compagni, ecc.

Una teoria per nulla folle che riguarda ad altri paesi è quella adottata ad esempio in Danimarca e Finlandia, dove i bambini non imparano a leggere fino a quando non hanno sette anni. Ciò non significa che non vengano in qualche modo invitati a farlo prima ma non sono comunque obbligati.

Che ne pensate? Voi quale teoria sposate?

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook