Polveri sottili: nelle scuole italiane si respira una brutta aria!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le scuole italiane, insieme a quelle danesi, sono le più inquinate. Lo ha rivelato uno studio condotto su un campione di istituti primari di Siena e Udine, Aarhus (in Danimarca), Reims (in Francia), Oslo (in Norvegia) e Uppsala (in Svezia), che ha coinvolto in totale 600 bambini europei.

Secondo i dati riportati in un articolo dall’European Respiratory Journal, emerge un’inquietante notizia: “in mancanza di una adeguata ventilazione, vi è una esposizione di Pm10 e 2“>Co2 superiore ai i limiti consigliati in due terzi delle aule, nelle quali i bambini soffrono di problemi respiratori con frequenza maggiore”.

La motivazione sembrerebbe quindi legata all’assenza di un’adeguata aerazione degli spazi e delle aule frequentate dai bambini, situazione che favorisce la concentrazione di sostanze dannose in grado di favorire l’insorgenza delle malattie respiratorie dei bambini.

Sono stati misurati all’interno e all’esterno delle scuole fattori ambientali quali temperatura, umidità relativa, polveri respirabili, anidride carbonica, biossido d’azoto, composti organici volatili, ozono, allergeni, muffe – ha detto Giovanni Viegi, direttore dell’Istituto di biomedicina e immunologia molecolare del Cnr di Palermo – e ci si è focalizzati sulla concentrazione, nelle aule, di un inquinante (il Pm10, polveri respirabili con diametro fino a dieci micron) e di un indicatore di scarsa qualità dell’aria da affollamento in ambienti poco ventilati (l’anidride carbonica).
Inoltre – ha continuato il professore – sono state raccolte informazioni su sintomi e malattie respiratorie, in particolare la presenza, nell’ultimo anno, di sibili, tosse secca notturna e rinite oltre alla pervietà nasale, cioè il grado di apertura delle narici. Un sottocampione di bambini è stato sottoposto ad alcuni test clinici, tra cui spirometria, test allergologici cutanei, rinometria acustica, raccolta di secrezioni nasali, valutazione dell’irritazione degli occhi
”.

I risultati peggiori arrivano dalle scuole danesi, seguite dall’Italia, due Paesi dove i livelli di inquinamento nelle scuole vanno ben oltre gli standard di tolleranza: “Per la concentrazione di PM10, la soglia suggerita dall’Epa (Environmental Protection Agency) per esposizioni a lungo termine è di 50 microgrammi(mg) per metri quadrati. – ha detto la ricercatrice Marzia SimoniNel 78% delle aule monitorate questa soglia viene superata. Maglia nera spetta alla Danimarca (circa 170 mg/m³), seguita dall’Italia (circa 150 mg/m³). In questi due Paesi le PM10 risultano spesso superiori persino allo standard Epa per esposizione a breve termine, che è di 150 mg/m³”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook