Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Perché devi legare SEMPRE i bambini ai seggiolini auto, ovunque e con chiunque

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Basta un urto a 15 chilometri all’ora perché un bambino, non allacciato al seggiolino o senza cinture, perda la vita. E negli impatti a velocità più elevata è praticamente impossibile trattenere un bambino di 15 kg con le braccia. A 56 chilometri all’ora la forza d’urto che produce è di 225 chilogrammi.

A dirlo è l’Asaps, il portale della sicurezza stradale. Che mette in luce la pericolosità di questa cattiva abitudine, dovuta troppo spesso a leggerezza, fretta, negligenza. 

Gli incidenti che coinvolgono i bambini purtroppo sono numerosi, e sono aumentati dal 2019 al 2020. L’ultima tragedia risale proprio a questi giorni, quando sulla superstrada Nola-Villa Literno, nel tratto casertano, un bambino di 3 anni è morto a bordo di un’auto che si è scontrata contro una Bmw, secondo quanto riporta Asaps.

A causa del forte impatto, il bimbo ha sfondato il lunotto posteriore andando a finire sul cofano della Bmw, morendo sul colpo. Non è ancora chiaro se il bambino fosse legato o protetto da dispositivi di sicurezza. Ma secondo la dinamica, probabilmente era libero. 

Purtroppo, secondo l’Osservatorio ASAPS, si tratta della 16esima piccola vittima della strada nel 2021, 8 dei quali morti durante l’estate. Non si sa esattamente quanti di loro fossero o meno legati, ma purtroppo l’abitudine a lasciarli liberi sui sedili posteriori continua a essere diffusa. 

Anche se la pandemia, stando al report sull’incidentalità stradale del 2020, ha contribuito a ridurre di un terzo incidenti stradali e feriti, c’è stato un “forte aumento, in termini percentuali (i valori assoluti, per fortuna, rimangono bassi), delle morti tra i bambini per i quali il Paese aveva l’obiettivo “Zero Vittime”“.

Nel 2020 sono stati 37 i bambini tra 0 e 14 anni che hanno perso la vita a causa di incidenti stradali, contro i 35 del 2019. E sono aumentate le vittime di 5-9 anni, da 4 nel 2019 a 10 nel 2020, e quelle tra i 10 e i 14 anni, passate da 14 a 19. 

Questi dati dovrebbero farci riflettere e convincerci, una volta per tutte, a utilizzare i dispositivi di sicurezza, senza scuse, ovunque e con chiunque.

FONTI: Asaps/Aci

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook