Pepi-Pod: in Australia vaschette gratis alle famiglie per combattere la SIDS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La SIDS, tristemente nota sindrome della morte in culla, è purtroppo un fenomeno abbastanza frequente in Australia. Per correre ai ripari è stata ideata la Pepi-Pod, una sorta di vaschetta che crea una barriera protettiva per il bambino nel lettone.

Dormire nella stessa stanza a stretto contatto con i propri genitori fa molto bene a bambini e neonati, quello che viene chiamato co-sleeping offre molti benefici di cui abbiamo parlato. Dormire nello stesso letto però, nel caso di bambini molto piccoli, può essere rischioso. Ecco allora che dall’Australia arriva un oggetto che permette al neonato di dormire in tutta tranquillità e sicurezza a contatto con i propri genitori.

La famigliola è tutta nello stesso letto ma il piccolo è ben separato tramite una vaschetta realizzata in polipropilene vergine al 100%, una plastica alimentare che non contiene BPA o ftalati. Si tratta appunto della Pepi-Pod di cui centinaia di esemplari saranno distribuiti nel Queensland questo mese con l’obiettivo di ridurre il numero di bambini che muoiono di SIDS.

pepi pod

Foto: changeforourchildren.nz

La professoressa Jeanine Young dell’University of the Sunshine Coast (USC) ha dichiarato che i tassi di mortalità infantili dell’Australia sono tre volte più elevati rispetto a quelli di altri paesi sviluppati. Attualmente circa il 97% di queste morti sono associate a fattori di rischio prevenibili e dunque è di fondamentale importanza mettere in atto delle strategie per limitare il più possibile questo fenomeno, frequente soprattutto tra le famiglie indigene locali.

Tra le strategie per sostenere le famiglie vi è appunto l’idea semplice ma efficace di questa vaschetta che evita il rischio di soffocamento accidentale. Attraverso i servizi sanitari locali le Pepi-Pod verranno distribuite a circa 400 famiglie del Queensland, in foto potete vedere Natasha con il suo piccolo Zeliciah che l’hanno già ricevuta.

pepi pod mamma bimbo

Foto: usc.edu.au

Importante segnalare che esistono fattori protettivi e al contrario fattori di rischio per la SIDS da non sottovalutare. Come ha dichiarato a dottoressa Young:

“Se sei una madre non fumatrice e allatti al seno, hai un rischio molto basso, anche se condividi lo stesso letto con il bambino. Ma se hai un bambino con basso peso alla nascita, prematuro o esposto al fumo di sigaretta, droghe e alcol, che dorme su un divano con un genitore, allora il rischio aumenta”.

Sul Co-spleeping e la SIDS potrebbe interessarvi anche:

Anche in Finlandia tempo fa è nata un’iniziativa simile, quella delle baby box scatole in cartone rigido dove far dormire in tranquillità e sicurezza i neonati. Che ne pensate? Voi avete praticato o praticate il co-sleeping?

Francesca Biagioli

Foto copertina: changeforourchildren.nz

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook