In arrivo pannolini per bambini hi-tech che si connettono con lo smartphone. Ma ne abbiamo davvero bisogno?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche i pannolini diventano connessi! Ebbene sì, alcune grandi aziende ci hanno già pensato e a breve potremo averli fra noi. Ma ci servono davvero??

Saranno dotati di sensori in grado di rilevare umidità e sporco, trasmettendo i dati in tempo reale alle app dei genitori, ma anche di informarli sul sonno del bebè tracciato tramite apposito sleep tracker, nonché di fornire informazioni sul suo battito cardiaco e sulla temperatura corporea.  Questi pannolini di nuova generazione non serviranno solo a raccogliere i bisognini o avvertire quando necessitano di essere sostituiti, ma, a quanto pare, aiuteranno i genitori a monitorare costantemente la salute dei figli.

Fra le aziende che hanno abbracciato la tecnologia anche Pampers, che sta per lanciare quello che potrebbe essere destinato a soppiantare tutti i pannolini tradizionali della nota marca, ovvero Pampers Lumi, provvisto dei sensori citati, completato da telecamera e monitor senza fili in grado di filmare in tempo reale il bebè.

Ulteriori accessori potrebbero essere venduti a parte per migliorarne le prestazioni, come la fascia breathing wear, utile per comunicare dati sul battito cardiaco. Mentre un’apposita app consentirà di monitorare il tutto a distanza ricevendo notifiche.

Certo, è inevitabile che la tecnologia avanzi e se da un lato è senz’altro positivo, dall’altro sorgono dubbi sui contro di tanta connessione.

Per esempio c’è chi si domanda se sottoporre i bambini a emissioni di onde elettromagnetiche così ravvicinate non possa avere delle conseguenze. E chi teme per la privacy, dato che i baby monitor potrebbero essere sensibili agli hacker.

D’altra parte sorgono perplessità sull’efficacia di sistemi così invasivi che anziché diminuire ansia e ipercontrollo, in un certo senso li fomentano. Basti pensare che se normalmente piccole variazioni nelle urine, nelle feci o nella temperatura corporea non mettono in allerta i genitori, tramite sistemi simili, in grado di rilevare anche il minimo mutamento, soprattutto gli ansiosi potrebbero diventarlo ancora di più.

Senza parlare dell’aumento del consumo di pannolini usa e getta al primo bip dell’app. Ne abbiamo davvero bisogno?

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook