In questa scuola si usano palline da tennis sotto banchi e sedie (e il motivo vi stupirà)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’idea, pensata soprattutto per tutelare gli alunni con disturbi del comportamento e ipersensibili, è quella di applicare alle gambe delle sedie e dei banchi mezze palline da tennis in modo da “ovattare” gli spostamenti

Di rumori molesti in una scuola ce ne sono a bizzeffe, a partire dal muovi e rimuovi delle sedie a portata di bimbi e ragazzi. Come fare per attutire quel fracasso che inevitabilmente si crea in una classe? In Sardegna si sono inventati un bel modo per ovviare a un simile disagio e recuperare vecchie palline da tennis.

Il Comune e l’Istituto comprensivo di Sennori, in provincia di Sassari, hanno infatti avviato un progetto a costo zero per diminuire i rumori che il trascinamento di sedie e banchi nelle aule scolastiche può provocare. Tutti rumori che, nelle scolaresche dove ci sono alunni con disturbi del comportamento o ipersensibili, possono determinare delle reazioni estreme o quanto meno turbare questi ragazzi.

Un progetto che è già stato realizzato in parecchie altre scuole d’Italia negli anni.

palline scuole

Il progetto, che è già in fase di sperimentazione all’interno della stessa scuola, non prevede altro che applicare alle gambe delle sedie e dei banchi delle mezze palline da tennis, in modo che il rumore provocato dal trascinamento venga assorbito dalle palline e non crei disturbo e reazioni negli alunni ipersensibili.

sedie palline

Per portare avanti questa bellissima iniziativa, il Comune invita i cittadini a donare all’amministrazione palline da tennis usate da depositare in appositi contenitori posizionati in Municipio.

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook