©shutterstock/Monkey Business Images

Oscar, il bimbo guarito da una malattia al cervello grazie al cane Leo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La sua fine sembrava ormai vicina. Il piccolo Oscar, di 3 anni, colpito da un’infezione del cervello era ricoverato in terapia intensiva presso l’ospedale di Southampton quando la sua frequenza cardiaca improvvisamente cominciò ad accelerare. Come ultimo gesto disperato i medici proposero alla mamma di chiamare un infermiere speciale, un golden retriever di nome Leo.

È una storia a lieto fine quella che racconta l’amicizia del piccolo Oscar Haskell che ha combattuto e vinto la sua battaglia contro un’encefalomielite acuta disseminata, una sorta di bug che attacca il cervello dall’interno. Oggi il piccolo ha 7 anni.

Secondo la mamma Zoe Relph quello che è accaduto 4 anni fa, nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale si Southampton, è stato un miracolo legato al nome di Leo.

“Oscar aveva sei sonde cerebrali nel cranio e macchine che lo tenevano in vita… Non rispondeva affatto e la sua frequenza cardiaca era alle stelle…non ci aspettavamo più che potesse farcela” ha raccontato la donna al Mirror.

Poi i medici hanno proposto un farmaco diverso per il piccolo.

“I medici hanno chiesto se eravamo interessati a fargli incontrare un cane“, aggiunge Zoe. “Sono rimasta scioccata pensando a un cane in terapia intensiva. I dottori mi dissero di continuare a parlare con Oscar in modo che potesse sentire la mia voce. Non sapevamo se poteva sentirci o no. Ma avevo sempre promesso ai ragazzi che avremmo avuto un cucciolo.”

Così Leo fece il suo ingresso e appoggiò la sua zampa sulla mano di Oscar. Dopo pochi istanti la frequenza cardiaca era diminuita.

“È stato stupefacente. I medici di terapia intensiva piangevano, era un miracolo. Non aveva mosso il viso, non si muoveva affatto. E poi ha sorriso” racconta la madre.

Era l’ottobre 2016 e da allora Oscar è diventato sempre più forte. Secondo Zoe, Leo ha fatto la sua parte nella guarigione del figlio.

Nonostante i danni riportati al cervello, oggi il bambino sta bene. In questi giorni è in corsa insieme al suo amico peloso per il premio Friends for Life a Crufts 2020, a Birmingham. Eccoli insieme in questo video:

Leo è uno dei sei cani da terapia dell’ospedale pediatrico di Southampton. Insieme ai suoi amici quattro zampe ha già aiutato 10.000 bambini.

Speriamo che sempre più ospedali chiedano aiuto a queste creature così speciali!

Fonti di riferimento: Mirror, Univeristy Hospital of Southampton

LEGGI anche:

Pet therapy in rianimazione: a Careggi primo progetto italiano

Il cane annusa un tumore e la padroncina si salva

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook