Orto in condotta: nel giorno dell’estate di San Martino la IV edizione della festa nazionale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È ormai il terzo anno, da quando siamo nati, che vi parliamo della festa nazionale dell’Orto in Condotta, il progetto per le scuole curato da Slowfood. Andando a vedere i vecchi articoli, ci siamo resi conto di quanto questa iniziativa sia cresciuta costantemente negli anni: nel 2009 si parlava di 211 orti scolastici, nel 2010 di oltre 300 e quest’anno si è arrivati a quota 421. Segno che l’amore per la terra e le cose buone si sta sempre più diffondendo sia tra gli adulti che tra i bambini, che grazie a progetti di questo tipo possono scoprire i prodotti genuini e imparare le regole di un’alimentazione corretta.

E proprio oggi, nel giorno dell’estate di San Martino, la festa di Slowfood riunirà tutti gli orti della rete nazionale, che verranno messi a riposo, e la giornata sarà l’occasione per alunni, insegnanti e produttori locali per discutere su quanto imparato nel corso dell’anno e festeggiare i risultati ottenuti.

Il progetto utilizza infatti l’orto come strumento didattico per insegnare la cultura della tutela ambientale, della corretta alimentazione e delle tradizioni dei prodotti della nostra terra. Ogni orto viene coltivato durante tutto l’anno con modalità biologiche e biodinamiche e con prodotti locali che possano essere utilizzati nell’alimentazione dei bambini durante il periodo scolastico.

E, dopo il miele dell’anno scorso, sarà la merenda di metà mattina o del pomeriggio ad essere celebrata in questa IV edizione. Proprio per insegnare ai bambini ad abbandonare dolci e cibi preconfezionati, dalla mattina le classi saranno impegnate nel Gioco del piacere e proveranno a degustare pane e olio, per riscoprire i sapori di alimenti tradizionali e genuini.

Inoltre da quest’anno Slowfood vuole iniziare un percorso didattico sui cereali, con il coinvolgimento delle scuole e delle comunità del cibo: dalle aziende locali all’antico sapere dei nonni, tutti potranno contribuire a far scoprire agli alunni le vecchie tradizioni alimentari, il modo più corretto di fare la spesa e le antiche tecniche di preparazione dei cibi. Ogni classe potrà aderire liberamente a questa nuova iniziativa e i lavori migliori, fatti di interviste, racconti e ricette, saranno presentati alla prossima edizione del Salone del Gusto.

 

Per entrare a far parte della rete Orto in Condotta le scuole possono contattare una delle condotte Slow Food presenti sul territorio oppure l’Ufficio di Educazione del Gusto all’indirizzo mail [email protected].

 

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook