La musica fa bene, così l’orchestra dei bambini suona per i piccoli malati di tumore dell’ospedale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bambini che aiutano altri bambini più sfortunati di loro. Come? Attraverso la musica che, come sappiamo, è terapeutica. È quello che è avvenuto all’ospedale di Parma dove una singolare orchestra, composta da giovanissimi, si è esibita con ritmi molto vivaci allietando i piccoli pazienti.

Nei reparti di Pediatria ed Oncoematologia dell’Ospedale dei bambini “Pietro Barilla” di Parma, nei giorni scorsi si è potuto assistere ad uno spettacolo molto originale, quello offerto dall‘Orchestra Casa Cello, composta da violini, violoncelli, flauti, sax e trombe, tutti suonati da giovani e giovanissimi.

I piccoli pazienti ricoverati hanno avuto quindi l’opportunità di essere allietati dai loro stessi coetanei, guidati da Jalica Jo, fondatrice, insieme al maestro Andrea Marras, dell’Orchestra dei giovani.

Molto attenti, tutti i bambini presenti ma anche i genitori e il personale sanitario, hanno seguito il concerto che si componeva principalmente di ritmi latini (tango e cha-cha-cha) ma in cui non sono mancate anche esecuzioni più classiche come la marcia trionfale dell’Aida.

L’orchestra è riuscita a scuotere gli animi di grandi e piccini e alla fine del concerto i bambini ricoverati hanno avuto anche l’opportunità di provare gli strumenti musicali.

“Ci ha fatto molto piacere poter suonare per i bambini della pediatria di Parma. I musicisti erano molto emozionati, e devo dire più gli adulti dei ragazzi. Crediamo molto nella forza della musica e infatti iniziamo con bambini piccolissimi e continuiamo a fare musica con tutti coloro che sognano di diventare musicisti, senza limiti di età” ha raccontato Jalica Jo.

Questo bel evento è stato reso possibile grazie al coordinamento di Marzia Fusi, insegnante di educazione musicale della scuola in Ospedale che ha dichiarato:

“La musica è una terapia fantastica per sostenere bambini e ragazzi ricoverati in ospedale e ringrazio l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma che, condividendo questa filosofia, ci consente di organizzare questi eventi”

In effetti, diverse ricerche hanno dimostrato i benefici della musicoterapia in ospedale e alcuni progetti di questo tipo sono rivolti proprio ai piccoli pazienti dei reparti pediatrici. Al Sant’Orsola di Bologna, ad esempio, questa tecnica è utilizzata per aiutare i i bambini a superare l’ansia e la tristezza, a sentire meno il dolore ma anche a fronteggiare meglio la nausea legata alle terapie antitumorali. 

Questa iniziativa è particolarmente bella perché sono stati gli stessi bambini, grazie alla loro passione e al loro talento musicale, a rendere più piacevole una giornata in ospedale ai loro coetanei, alle prese con cure e terapie impegnative.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook