Impara a cucinare perché ha la mamma malata e a soli 11 anni Omari apre un ristorante vegano caraibico

ristorante-caraibico-pop-up

Omari McQueen è un bambino di 11 anni che ha da poco aperto un ristorante pop-up, ossia un locale temporaneo. Per la sua prima esperienza da chef ha scelto la cucina vegana caraibica.

Il giovanissimo Omari ha imparato a cucinare un po’ per passione un po’ per necessità. Sua madre, infatti, soffre di emicranie paralizzanti e spesso è costretta a letto. Ha deciso allora di insegnare ai suoi figli più grandi come cucinare da soli. Da quel momento Omari non ha più lasciato la cucina. E da quella casalinga alla ristorazione il passo è stato breve.

Il ragazzo è diventato talmente bravo a cucinare che ha deciso di aprire il suo primo ristorante pop-up. Questa tipologia di ristorante è molto di moda soprattutto all’estero e consiste nella nascita di locali temporanei in cui è possibile mangiare solo per un certo periodo di tempo prima che scompaiano così come sono nati.

omari-cucina

Il ristorante di Omari, Dipalicious, ha debuttato pochi giorni fa a Boxpark a Croydon (Regno Unito). Dopo aver contattato il CEO del parco e averlo stupito con la sua bravura, il bambino è riuscito ad ottenere lo spazio in affitto per una settimana.

Nonostante sia cresciuto con una dieta a base di carne, il ragazzo ha deciso di diventare vegano dopo aver visto online alcuni video. Di conseguenza, anche il cibo servito nel suo locale è 100% vegetale. Omari è riuscito a combinare brillantemente i tradizionali sapori caraibici con una cucina a base vegetale.

“Faccio cibo caraibico vegano. Abbiamo curry di verdure con riso bianco, callaloo, zuppa di zucca, riso e piselli, platano fritto. Sono tutte mie ricette” ha dichiarato.

Omari aveva solo 8 anni quando ha iniziato la sua carriera di cuoco vegano e l’ha fatto tramite il suo canale YouTube dove presenta le proprie creazioni culinarie e mostra ai fan come ricrearle con stile.

Ora ad aiutarlo nella gestione della sua piccola impresa temporanea c’è tutta la famiglia che segue le direttive di questo giovanissimo capo chef.

famiglia-omar

Il suo sogno però è quello di aprire un ristorante fisso. Come ha dichiarato:

“Voglio aprire un ristorante [permanente] a Boxpark. Penso che sarà davvero divertente e così tante persone verranno nel mio ristorante. Un sacco di persone vorranno parlarmi del mio menu. Spero di unire le persone. Il cibo può farlo”

Omari ha vinto premi per la sua gamma di piatti vegani (soprattutto per le salse), i cui profitti sono serviti a finanziare il suo ristorante pop-up ma ora è stata aperta una pagina di crowdfunding per rendere permanente il ristorante. L’impresa non è facile dato che la famiglia di Omar ha sei figli e non molte disponibilità economiche.

L’alternativa, dato che il padre è un’autista, è quella di prendere un autobus che vada in giro per Londra e tutto il paese servendo cibo caraibico e vegano.

Auguriamo una brillante carriera a questo giovane quanto determinato chef!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook