Non gonfiate quei palloncini! Nitrosammine oltre i limiti in diversi modelli venduti anche su Amazon

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Colorati, amati dai bambini, immancabili alle feste. I palloncini sono uno dei giochi più presenti e diffusi ma non sempre sono tra i più sicuri. Lo dice un nuovo test condotto dalla rivista austriaca Konsument che ha rilevato in alcuni di essi alte concentrazioni di nitrosammine, sostanze cancerogene che vengono assorbite attraverso la bocca e la pelle.

Il gesto di gonfiare un palloncino dunque diventa pericoloso. L’analisi svolta da Konsument si è basata su 14 tipologie di palloncini venduti anche su Amazon.

Questi i marchi esaminati:

  • Alvarak – Luftballone mit Herzchen
  • Amscan – Balloons
  • Fair Zone – 24 Balloons
  • Flying tiger – Herz Ballons
  • Folat – Balloons, 8x Herz
  • Hema – 10x Luftballons 23 cm
  • Kara Loon – 8 Ballons uni
  • Let’s Party – 8 Ballons
  • Pap Star – 20 Lufballons Artikel Nr 84211
  • Party Deco – strong Balloons, Dinosaurs, Pastel Pure white
  • Riethmüller – Charming Horses
  • Shuaian – Balloons Luftballons Metallic Bunt, 12
  • Super Mario – Super Mario
  • Susy – Card Smiley

Fuori i nomi: promossi e bocciati

L’allarme sui palloncini era stato già lanciato dall’Istituto Federale Tedesco per la Valutazione dei Rischi (BfR), giunto alla conclusione che i palloncini “possono in casi estremi assorbire la N-nitrosamina del cibo”.

Il test ha scoperto che 4 di essi contenevano grandi quantità di nitrosammine, ben oltre i valori limite della direttiva UE sui giocattoli. Per fortuna, se di fortuna si può davvero parlare, gli altri 10 prodotti ne contenevano solo piccole quantità.

Secondo gli autori del test, i palloncini che presentano grandi quantità di nitrosammine non avrebbero dovuto essere immessi sul mercato: si tratta di Alvarak, Amscan, Party Deco e Shuaian Balloons.

“Quest’ultimo ha anche rilasciato quattro volte il numero di nitrosammine e sostanze nitrosabili consentite”.

Gli altri 10 invece sono ritenuti sicuri.

Cosa sono le nitrosammine

Si tratta di sostanze molto comuni. Alcune sono usate come conservanti alimentari, nel tabacco, nei cosmetici e in oggetti in lattice. La gomma naturale non ne contiene ma essa si produce durante la sua lavorazione attraverso il processo di vulcanizzazione. Quest’ultimo garantisce che la gomma sia resistente alle sollecitazioni meccaniche.

Il problema delle nitrosammine sta nella presenza di nitrato come componente naturale degli alimenti, che risulta convertibile in nitrito già a livello della bocca per azione delle ghiandole salivari, e all’uso di nitrito utilizzato come conservante alimentare: tali nitriti trovano le condizioni ottimali per produrre N-nitrosammine all’interno dello stomaco o tramite trattamenti di cottura quali la frittura o l’arrostitura.

Le disposizioni legislative italiane fissano i limiti massimi di nitrito ammissibile in 150 mg per kg di prodotto per prevenire il raggiungimento di concentrazioni potenzialmente nocive.

Pericolo palloncini

Tali sostanze possono essere assorbite non solo quando i palloncini vengono portati alla bocca per essere gonfiati ma anche durante il gioco, attraverso la pelle.

Secondo quanto riportato da Konsument, alcuni studi condotti su animali ne hanno dimostrato un effetto cancerogeno. I composti reagiscono con il materiale genetico (DNA) e ciò può alterarlo e danneggiarlo favorendo lo sviluppo di tumori. È difficile dimostrare se la sostanza a basse dosi provochi il cancro nell’uomo. Il tempo che intercorre tra l’ingestione di nitrosammine e lo sviluppo del tumore è molto lungo, pertanto è difficile provare una connessione causale. D’altra parte, è altrettanto impossibile stabilire a quali concentrazioni le nitrosammine siano innocue.

Palloncini, nemici dell’ambiente e a volte anche dei bambini.

Fonti di riferimento: Konsument, k.at

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook