Un futuro migliore per i 386.000 bimbi nati il giorno di Capodanno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il giorno di Capodanno sono nati in tutto il mondo circa 386.000 bambini. Di questi, il 90% si trova nelle regioni meno sviluppate e alcuni di loro non vivranno oltre il primo giorno. Il primo bambino del 2018 – una femminuccia – è nato alle 1.44 del mattino di Capodanno a Suva, la capitale dell’isola delle Figi.

È quanto rivela l’Unicef, che ha collaborato con il World Data Lab per ottenere questi dati. 2.600 bambini sono morti ogni giorno del 2016 durante le prime 24 ore di vita. Per quasi 2 milioni di neonati, la sua prima settimana di vita è stata anche l’ultima. In totale, 2,6 milioni di bambini sono morti prima di aver completato il loro primo mese. Di questi bambini, oltre l’80% è morto per cause prevenibili e curabili, come parto prematuro, complicazioni durante il parto o infezioni come sepsi e polmonite.

Negli ultimi due decenni, il mondo ha assistito i progressi senza precedenti nella sopravvivenza dei bambini, dimezzando il numero di bambini che muoiono in tutto il mondo prima del loro quinto compleanno, per un totale di 5,6 milioni nel 2016. Ma nonostante questi progressi, nel caso dei neonati, la situazione non è ancora rosea. I bambini che muoiono durante il primo mese rappresentano il 46% di tutti i decessi di bambini di età inferiore ai cinque anni.

Per questo il prossimo mese, l’UNICEF avvierà una campagna globale dal nome di Every Child Alive per chiedere e fornire soluzioni sanitarie economiche e di qualità per tutte le madri e i loro neonati. Si tratta di cose semplici e fondamentali: una costante fornitura di acqua potabile e di energia elettrica nelle strutture sanitarie, la presenza di un assistente durante il parto, la disinfezione del cordone ombelicale, l’allattamento al seno entro la prima ora dopo la nascita e il contatto pelle a pelle tra madre e figlio.

Leggi anche:

“Stiamo entrando in un’era in cui tutti i neonati nel mondo dovrebbero avere l’opportunità di raggiungere il XXII secolo”, spiega Stefan Peterson, responsabile salute dell’UNICEF. “Sfortunatamente, quasi la metà dei bambini nati quest’anno probabilmente non ce la faranno. Un bambino nato in Svezia nel gennaio 2018 ha più probabilità di vivere fino al 2100, mentre un bambino in Somalia potrebbe non vivere oltre il 2075”.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook