Muse: la prima scuola vegan per bambini (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La prima scuola vegan e ambientalista degli Usa. Suzy Amis Cameron, attivista ambientale, madre di cinque figli e moglie orgogliosa del regista James Cameron, ha cercato di creare un’alternativa all’offerta formativa standard presente negli States, che mettesse al centro il Pianeta e gli animali. Per questo nel 2006 ha fondato Muse School.

Si tratta di un progettato che vuole affrontare le sfide del 21 ° secolo, concentrandosi sul bambino, sulla comunità e sul pianeta, per favorire la crescita di pensatori creativi e risolutori di problemi che sono profondamente in sintonia con la preservazione del nostro pianeta.

Con insegnanti attenti e compassionevoli, aule giocose e opportunità di esplorazione e riflessione ad ogni turno, MUSE è diventata un’oasi educativa per i bambini di tutti quei genitori che riconoscono l’importanza dell’apprendimento e della promozione della sostenibilità.

muse

muse2

MUSE è una struttura a rifiuti zero, ma dispone anche di ampi impianti di compostaggio, materiali edili riciclati, energia da fonti rinnovabili, orti autocoltivati, una capretta e persino di un uccello per controllare naturalmente la popolazione dei parassiti.

muse4

Gli studenti, oltre ad avere una solida base accademica in lettura, comunicazione, matematica, arte e design, sono esperti di tecnologie verdi e conservazione del pianeta. E soprattutto sono consapevoli di ciò che mangiano e da dove proviene. Sono desiderosi di contribuire con tutto quello al benessere della loro comunità e del mondo in generale. E in più tra poco diventerà la prima scuola degli Usa a offrire solo cibo vegan .

“Stiamo gradualmente inserendo un menu a base vegetale, perché siamo una scuola ambientale. Entro il prossimo anno e mezzo, saremo 100% vegan – spiega la bellissima fondatrice -. Ciò su cui è stato davvero importante aprire gli occhi è la connessione tra cibo e ambiente. Il cibo è un argomento molto delicato per tante persone, che hanno le loro ragioni culturali per mangiare la carne, le loro ragioni tradizionali, le loro simpatie e antipatie”.

Se sei davvero ambientalista, dice la Cameron, non puoi continuare a mangiare carne e derivati animali. Evitare i prodotti di origine animale è la decisione più forte che un consumatore possa fare, di gran lunga più significativa rispetto all’acquisto di una vettura ibrida o di lampadine a LED.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

A Milano il primo “take away” vegan per bimbi e famiglie

Menu vegetariani e vegani a scuola e nei bar anche in Italia!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook