I mattoncini che insegnano ai bambini non vedenti a leggere il braille (FOTO e VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Imparare a leggere e scrivere in braille giocando e divertendosi: è questa l’idea alla base del Braille Bricks Project, un’iniziativa che, grazie a colorati mattoncini del tutto simili a blocchi per le costruzioni, sul modello dei famosissimi Lego, favorisce l’alfabetizzazione e l’inclusione sociale dei bambini non vedenti.

L’iniziativa è stata lanciata da un’organizzazione di San Paolo, in Brasile, la Dorina Nowill Foundation for the Blind, in collaborazione con un’agenzia di comunicazione. I mattoncini colorati possono essere utilizzati sia da bambini vedenti che da bambini non vedenti, permettendo loro di giocare e divertirsi insieme, senza distinzioni.

Per i piccoli non vedenti, però, c’è un beneficio in più: i blocchi, infatti, sono ventisei e ciascuno di essi riproduce una lettera dell’alfabeto in braille. Toccandoli e giocando, il bambino ha la possibilità di appropriarsi mano a mano del sistema di scrittura braille, apprendendo quasi senza rendersene conto, in modo divertente e scanzonato.

braille bricks 01

braille bricks 02

braille bricks 03

Fino ad oggi, la Fondazione è riuscita a produrre un numero di mattoncini sufficiente ad essere utilizzato da circa 300 piccoli studenti: la speranza è che, attraverso la licenza Creative Commons, l’iniziativa possa avere un seguito anche maggiore, diffondendosi in vari Paesi del mondo e permettendo ad un numero crescente di bambini non vedenti di avere uno strumento in più per vincere la disabilità.

Tale licenza, infatti, permette sia di riprodurre gratuitamente design e grafica dei mattoncini che di adattarli ad esigenze diverse: l’unica condizione è che i risultati di tali riproduzioni/riadattamenti vengano diffusi sotto la medesima licenza.

braille bricks 04

braille bricks 05

Una soluzione intelligente per stimolare la condivisione del concept e favorire il più possibile la diffusione di un’idea che può contribuire a migliorare la vita di tanti piccoli non vedenti, stimolandoli ad apprendere e fornendo loro un giocattolo da utilizzare insieme ai loro amici normodotati.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

LEGGI anche

frecciaLego: arriva il papà casalingo che sta a casa con i figli

frecciaLego crea il primo omino in carrozzina (#ToyLikeMe)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook