Contaminanti nel latte crescita per bambini. Meglio quello vaccino?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo l’anno di età se non è possibile allattare il bimbo quale latte è il migliore? Il latte artificiale o il latte vaccino? Troppo ricco di zuccheri e di aromi e contenente anche contaminanti potenzialmente cancerogeni, Altroconsumo non ha dubbi: al latte crescita formulato è meglio preferire il latte di mucca. L’associazione ha infatti analizzato 12 marchi di latte in formula arrivando a una conclusione: il cosiddetto “latte di crescita” non solo è inutile per i bimbi, ma può anche essere pericoloso.

Quel che è vero è che il latte di crescita destinato ai bimbi fino ai 3 anni viene fatto passare come la “scelta migliore” perché arricchito da sostanze come ferro, vitamine e sali minerali. Ma, come ammette anche l’Efsa, si tratta di un messaggio fuorviante: quel tipo di latte è in realtà troppo zuccherato, costoso (circa 0.80 euro in più al litro rispetto al latte normale) e in alcuni casi può essere dannoso per la salute.

Dalle analisi effettuate da Altroconsumo, infatti, è emerso molti latti per la crescita contengono zuccheri, aromi e in più contaminanti pericolosi, che possono essere un rischio per la salute soprattutto dei più piccoli.

In queste bevande il latte vaccino è soltanto uno degli ingredienti, il resto è composto da zucchero, aromi, maltodestrine, emulsionanti e oli vegetali. E proprio in questi oli, raffinati (olio di palma in primis), sono contenute sostanze pericolose a base di glicerolo e glicidolo. Note con i nomi di “3 MCPD” (3 monocloropropandiolo) e “GE” (glicidil esteri), queste sostanze sono considerate potenzialmente cancerogene e tossiche per i reni le prime, e genotossiche e cancerogene le seconde. In più, secondo le analisi, ad eccezione di due prodotti (Plasmon Nutrimune e Aptamil), tutti i latti contengono GE, mentre 11 campioni su 12 contengono 3 MCPD.

Qui trovate l’analisi completa. E qui le marche contaminate.

Meglio il latte vaccino?

Latte bebè

È la domanda che di conseguenza ci si pone. Al di là del proprio stile alimentare e delle scelte che si fanno a tavola e in famiglia, il latte vaccino – nel caso in cui, per i più disparati e personali motivi, non si prosegua l’allattamento a termine al seno – sembra essere migliore.

Il latte di crescita non è necessario per offrire ai bimbi un’alimentazione sana e completa: latte vaccino e una dieta equilibrata sono sufficienti (a meno che non ci siano esigenze particolari). La scelta migliore infatti, dopo l’anno di età, è usare il latte fresco pastorizzato, quello che si beve in famiglia. Non c’è ragione né di diluire il latte con acqua, né di usare quello scremato: anzi, i grassi del latte sono essenziali per lo sviluppo del bambino”.

Vero è anche che nel latte vaccino mancano alcuni elementi, ma in un dieta variegata non è difficile reperirli in altre fonti, come:

  • acido grasso DHA, con pesce di varietà differente
  • ferro, con carne magra, pesce, uova, frutta e verdura ricca di vitamina C, fagioli, lenticchie e cereali per aumentarne l’assorbimento
  • vitamina D, con pesce grasso e tuorlo
  • iodio

Sul latte per i bambini puoi leggere anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook