Ivrea sperimenta la “scuola all’aperto” nei parchi cittadini per i bambini da 3 a 6 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sempre più comuni si stanno organizzando in qualche modo per offrire ai più piccoli, privati dell’asilo e della scuola per molti mesi, delle possibilità che, in sicurezza, gli permettano di ritornare a frequentare i compagni. Anche Ivrea ha deciso di riaprire alla fascia 3-6 grazie ad una “scuola sperimentale” all’aperto nei parchi cittadini.

Solo ieri vi avevamo parlato del sindaco di San Lazzaro di Savena, Isabella Conti, che ha deciso di offrire a tutti gli studenti di ogni ordine e grado della sua città, la possibilità di vivere insieme l’ultimo giorno di scuola al parco.

C’è poi l’esperienza della scuola nel bosco a Biccari, in provincia di Foggia.

Aggiungiamo ora Ivrea che, in questi giorni, sta sperimentando la scuola all’aperto per i bambini dai 3 ai 6 anni. Si tratta di un progetto di outdoor education che, da martedì 26 a venerdì 29 maggio, presso i giardini delle scuole Don Milani e S. Antonio permetterà ad alcuni bambini residenti a Ivrea di tornare a frequentare i propri coetanei all’intero dei parchi scolastici che già conoscono.

Qui i piccoli hanno ampi spazi per giocare, scoprire la natura, utilizzare giochi esterni ma anche fare attività su tavoli attrezzati e posizionati per garantire il corretto distanziamento.

Sono stati formati 2 gruppi distinti di 5 bambini per ogni sede, a cui è assegnata un’educatrice che li accompagna nelle attività per tutta la mattinata (l’orario è infatti dalle ore 8.00 alle ore 13.00). C’è poi un’altra educatrice che, in ogni sede, è non solo di supporto alle colleghe ma utile anche a garantire l’ingresso e l’uscita dei bambini in sicurezza e secondo le norme anticovid19.

Ci sono infatti delle ferree regole da rispettare. Sono previsti ingressi scaglionati ogni 5 minuti che eviteranno l’assembramento dei genitori.

Più volte al giorno è previsto il lavaggio delle mani e del viso e all’entrata verrà misurata a tutti la febbre.

scuola-ivrea2

©LAPRESSE

scuola-ivrea3

©LAPRESSE

Le educatrici, invece, specificatamente formate su come comportarsi per evitare contagi e sulle strategie per il distanziamento sociale, sono dotate di mascherina e sono state precedentemente sottoposte a test sierologico.

I bambini che partecipano al progetto di outdoor education dovranno pagare una retta di 40 euro per tutto il periodo, che al momento è limitato a 4 giorni ma, se tutto va bene, come hanno fatto sapere dall’amministrazione, il servizio continuerà e potrà essere esteso ad altri bambini fino all’inizio ufficiale dei centri estivi previsto per il 15 giugno.

Fonti di riferimento: Comune Ivrea 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook